La guida per la sicurezza elettrica in casa

Le statistiche e le cronache quotidiane mettono in evidenza la pericolosità dell’uso dell’energia elettrica e del gas negli ambienti domestici.

Le statistiche e le cronache quotidiane mettono in evidenza la pericolosità dell’uso dell’energia elettrica e del gas negli ambienti domestici.
Tenendo conto che tali ambienti sono, in massima parte, frequentati da persone non addestrate alla scelta e all’uso di materiali e componenti elettrici, un ruolo fondamentale spetta, ai fini della sicurezza, al tipo di impianto elettrico realizzato e alla competenza dell’esecutore dell’impianto stesso.
PROSIEL è l’associazione per la PROmozione della SIcurezza ELettrica che raggruppa:

  • Enel distribuzione
  • CEI Comitato Elettrotecnico Italiano
  • Federelettrica
  • Federazione ANIE
  • Federazione Nazionale Grossisti e Distributori di Materiale Elettrico
  • IMQ
  • Unione Nazionale Consumatori
  • Associazione INTEL

L’associazione ha lo scopo di promuovere la sicurezza elettrica e la qualità dell’impianto elettrico.
Nell’ambito della sua attività statutaria l’associazione Prosiel ha curato la realizzazione della guida “Sicurezza in casa”.
Questa guida è destinata principalmente agli utilizzatori degli impianti elettrici domestici, quasi sempre non sono esperti in materia, con lo scopo di mettere in condizione di accertare la sicurezza e la qualità del proprio impianto elettrico e la competenza di chi lo ha realizzato.
La Guida offre una rassegna degli apparecchi di protezione, dalla messa a terra all’interruttore differenziale, avvalendosi di numerose illustrazioni.
La Guida invita altresì a prestare particolare attenzione alla professionalità dell’installatore elettrico che realizza l’impianto elettrico e che, al termine dei lavori, ha l’obbligo di attestare che il lavoro è stato eseguito secondo i criteri di sicurezza e funzionalità previsti dalle norme attraverso la Dichiarazione di conformità dell’impianto.

DocumentoDimensioneFormato
Guida Prosiel “Sicurezza in casa”805 KbPDF
 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *