Immagine categoria approfondimenti tecnici

L’istanza di Condono comporta l’automatica sospensione del processo

Non spetta al giudice amministrativo verificare se le opere edilizie abusive rientrano tra quelle condonabili.

Non spetta al giudice amministrativo verificare se le opere edilizie abusive rientrano tra quelle condonabili. Pertanto tutti i processi in corso per illeciti edilizi devono essere sospesi in maniera generalizzata se è pendente una domanda di concessione edilizia in sanatoria , in attesa della pronuncia definitiva.
Quanto detto è affermato dal Consiglio di Stato, nella sentenza n. 1331/2005, che ha così interpretato le disposizioni della L. 47/1985.
L’art. 44 della L. 47/1985 prevede infatti che “Dalla data di entrata in vigore della presente legge e fino alla scadenza dei termini fissati, sono sospesi i procedimenti amministrativi, giurisdizionali, e la loro esecuzione, e quelli penali”.
I giudici amministrativi – si legge nella sentenza – non possono «verificare se, in astratto, l`opera per la quale si controverte sia riconducibile tra quelle sanabili».
Il Consiglio di Stato ha ritenuto che il Legislatore si riferisse a tutti i lavori edilizi, siano essi «suscettibili o non suscettibili di sanatoria.

Documento Dimensione Formato
Sentenza n. 1331/2005 del Consiglio di Stato 165 Kb ACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *