Immagine categoria approfondimenti tecnici

L’imposta sulle donazioni e sulle successioni dopo la finanziaria 2007

La Finanziaria ha apportato rilevanti novità all’articolo 2 (comma 47) del decreto legge 262 del 2006, che aveva (re)introdotto l’ imposta di successione (per i trasferimenti di beni e diritti per causa di morte) e l’ imposta sulle donazioni (per i trasferimenti di beni e diritti per donazione o a titolo gratuito).

La Finanziaria ha apportato rilevanti novità all’articolo 2 (comma 47) del decreto legge 262 del 2006, che aveva (re)introdotto l’ imposta di successione (per i trasferimenti di beni e diritti per causa di morte) e l’ imposta sulle donazioni (per i trasferimenti di beni e diritti per donazione o a titolo gratuito).

È stata infatti introdotta, per fratelli e sorelle una franchigia, (pari a 100mila euro, con aliquota del 6 per cento per la parte eccedente), sia per le successioni che per le donazioni e gli altri atti di trasferimento a titolo gratuito.
Tale franchigia è inferiore a quella prevista in favore dei coniugi e dei parenti in linea retta (un milione di euro ed aliquota del 4 per cento per la parte eccedente).

Nei confronti, poi, delle persone portatrici di handicap, l’imposta si applica esclusivamente sulla parte del valore della quota o del legato che supera l’ammontare di 1,5 milioni di euro.

Ricapitolando, in base alle citate modifiche, per le successioni e le donazioni si applicano le seguenti aliquote:

  • per trasferimenti in favore del coniuge e dei parenti in linea diretta: 4% sul valore complessivo netto eccedente il milione di euro per ciascun beneficiario;
  • per trasferimenti in favore di fratelli e sorelle: 6% sul valore complessivo netto eccedente 100mila euro per ciascun beneficiario;
  • per trasferimenti in favore di parenti collaterali fino al quarto grado e degli affini in linea diretta, nonché degli affini collaterali fino al terzo grado: 6% sul valore complessivo netto (non è prevista alcuna franchigia);
  • per i trasferimenti in favore di soggetti diversi dai precedenti: 8% sul valore complessivo netto (non è prevista alcuna franchigia).

La misura degli importi esenti da imposta deve essere aggiornata con cadenza quadriennale dal Ministero dell’Economia e delle Finanze tenendo conto dell’indice del costo della vita.

La nuova versione del programma DeCuius, aggiornata alle ultime modifiche introdotte dalla Legge Finanziaria 2007, sarà in distribuzione a breve.

Documento Dimensione Formato
Testo della Legge Finanziaria 2007 approvata in senato 5,17 Mb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *