Istituito il registro impianti termici civili in Umbria

La Regione Umbria ha istituito il registro per l’iscrizione dei medi impianti termici civili. In allegato le modalità d’iscrizione ed i modelli

E’ stata pubblicata sul BUR (n. 8 del 13 febbraio 2019) la Deliberazione della Giunta Regionale Umbria n. 106/2019 che ha previsto l’istituzione del registro per l’iscrizione dei medi impianti termici civili, di cui al comma 2 quater dell’art. 284 del dlgs 152/2006.

Ricordiamo, infatti, che il dlgs 183/2017, intervenendo in modifica al Codice dell’Ambiente (dlgs 152/2006), ha introdotto alcune novità in materia di:

  • autorizzazioni e registrazioni degli impianti
  • valori limite di emissione
  • sanzioni e controlli
  • prescrizioni per il rendimento di combustione.

In riferimento, appunto, alle modiche introdotte dal dlgs 183/2017, si è reso necessario istituire il registro per l’iscrizione dei medi impianti termici civili.

Registro per l’iscrizione dei medi impianti termici civili – Deliberazione 106/2019

Nel dettaglio, la delibera dispone che:

  • la funzione di autorità competente (autorità responsabile dei controlli, degli accertamenti e delle ispezioni) è svolta dalla Regione Umbria avvalendosi della Provincia di Perugia
  • sia istituito il registro per l’iscrizione dei medi impianti termici civili
  • il registro venga tenuto presso gli uffici individuati dalla Provincia di Perugia
  • l’irrogazione delle sanzioni sia effettuata dalla Provincia di Perugia alla quale spettano i proventi derivanti dal pagamento delle citate sanzioni
  • venga dato mandato al dirigente del Servizio Energia, qualità dell’ambiente, rifiuti, attività estrattive, bonifica al fine di provvedere alle iniziative ed agli atti necessari per l’attivazione e la gestione del registro per l’iscrizione dei medi impianti termici civili.

Clicca qui per scaricare la Deliberazione 4 febbraio 2019, n. 106

Procedure per l’iscrizione – Determinazione n. 1893/ 2019

Con la Determinazione Dirigenziale Umbria n. 1893 del 27 febbraio 2019 sono state adottate le procedure per l’attivazione e la gestione del registro autorizzativo per l’iscrizione dei medi impianti termici civili.

In particolare, viene disposto che l’iscrizione dei medi impianti termici civili nel registro deve essere effettuata in base alle seguenti indicazioni:

  • 60 giorni prima dell’installazione o della modifica dell’impianto nel caso di medi impianti termici civili messi in esercizio o soggetti a modifica a partire dal 20 dicembre 2018
  • entro il 31 ottobre 2028 nel caso di medi impianti termici civili messi in esercizio o soggetti a modifica prima del 20 dicembre 2018 al fine di ottenerne l’iscrizione nel registro autorizzativo entro la scadenza del 1° gennaio 2029.

Oltre alle procedure da seguire per l’attivazione e gestione del registro, sono allegati anche i seguenti modelli:

  • il modello da utilizzare per la richiesta di iscrizione nel registro autorizzativo
  • il modello da utilizzare per la comunicazione di non conformità dei valori limite di emissione misurati rispetto ai valori limite prescritti.

Clicca qui per scaricare la Determinazione 27 febbraio 2019, n. 1893

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

2 commenti
    • Francesca Ressa
      Francesca Ressa dice:

      Ciao Claudio,
      come indicato nella deliberazione della Giunta regionale Umbria n. 106/2019 si ha che:
      “Il D.Lgs. 15 novembre 2017, n. 183, pubblicato nella G.U. 16 dicembre 2017, n. 293, ha apportato una lunga serie
      di modifiche ed integrazioni alla Parte Quinta del Codice dell’Ambiente (D.Lgs. 152/2006) intervenendo anche sul
      Titolo II relativo agli impianti termici civili. Qui sono state introdotte nuove definizioni di “medio impianto termico
      civile” e di “autorità competente”. È stata inoltre modificata la disciplina in materia di autorizzazioni e registrazioni
      degli impianti, di valori limite di emissione, di sanzioni e controlli nonché di prescrizioni per il rendimento di combustione”.

      Pertanto il dlgs a cui si fa riferimento nell’articolo è appunto il DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2017, n. 183.

      Grazie

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *