Isolamento sismico alla base e criteri di armatura a taglio. Gli atti delle giornate AICAP

Per i lettori di BibLus-net alcuni documenti per tenersi aggiornati.

L’AICAP (Associazione Italiana Cemento Armato e Precompresso) ha tenuto dal 19 al 21 maggio 2011 il 26° convegno nazionale su “Le prospettive di sviluppo delle opere in calcestruzzo strutturale nel terzo millennio”.
Nelle giornate AICAP sono stati trattati i temi di maggiore rilievo in materia di edifici esistenti e di impiego dei nuovi calcestruzzi strutturali.

Per i lettori di BibLus-net sono disponibili gli atti del corso, utili a tutti i tecnici che desiderano tenersi aggiornati nello sviluppo delle nuove tecnologie e nell’approfondimento di problematiche di carattere professionale.
In questo numero pubblichiamo due documenti:

  • L’adeguamento sismico di edifici esistenti mediante isolamento alla base;
  • Resistenza a taglio di travi con armature trasversali a diversa inclinazione.

L’adeguamento sismico di edifici esistenti mediante isolamento alla base
La necessità di intervenire su una struttura deriva dalla sua inadeguatezza a resistere alle azioni definite dalla norma.

L’adeguamento di una struttura esistente si articola nelle seguenti fasi:

  • trasferimento del carico del pilastro oggetto dell’intervento alle zone sottostanti al taglio, mediante morse;
  • taglio del pilastro;
  • inserimento dell’isolatore;
  • rimozione delle morse;
  • inserimento di rinforzi.

L’applicazione di questa tecnica ha numerosi vantaggi, quali:

  • possibilità di utilizzo della struttura durante i lavori di adeguamento;
  • efficacia dell’adeguamento anche senza interventi di rinforzo della parte in elevazione;
  • efficacia ed economicità dell’intervento, quando applicabile;
  • protezione delle parti non strutturali dell’opera e del suo contenuto.

Resistenza a taglio di travi con armature trasversali a diversa inclinazione.
Il modello di determinazione della resistenza a taglio delle sezioni in c.a. con staffe alle sezioni con armature aventi giaciture diverse (90° e 45°).
Le NTC 2008 adottano un modello basato su quello di Nielsen per la valutazione del taglio resistente di elementi in c.a. dotati di staffe.
Scopo della pubblicazione è quello di estendere il modello ad elementi dotati di due ordini di armatura trasversale (ad esempio staffe a 45° e a 90°) ed eventualmente di armature longitudinali a parete.

Sono state effettuate una serie di indagini numeriche finalizzate ad un efficace posizionamento del secondo ordine di armature trasversali, al fine di sfruttare in maniera ottimale il contributo dell’armatura, con conseguente risparmio economico.
Dallo studio emerge che:

  • la configurazione che massimizza la resistenza a taglio della sezione è quella con un ordine di armatura verticale e uno disposto lungo le isostatiche di trazione;
  • Il valore del taglio resistente aumenta all’aumentare della percentuale di armatura trasversale;
  • La limitazione sul valore di Ctgq ha un ruolo significativo solo nel caso di bassi valori del rapporto meccanico di armatura.

Clicca qui per scaricare “L’adeguamento sismico di edifici esistenti mediante isolamento alla base”
Clicca qui per scaricare “Resistenza a taglio di travi con armature trasversali a diversa inclinazione”

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *