Ingegneria e futuro, ecco il grattacielo da 2 miliardi di dollari alto 1000 metri

Pronta per il 2020, la Jeddah Tower avrà 170 piani, 59 ascensori, ospiterà un albergo, centri commerciali, appartamenti ed una terrazza di 30 metri di diametro a 664 metri da terra. Il costo? Oltre 2 miliardi di dollari

La costruzione di quello che diventerà il grattacielo più alto del mondo è iniziata quattro anni fa a Jeddah, in Arabia Saudita. Quando sarà completato l’edificio misurerà un chilometro!

La torre, quindi, supererà di circa 180 metri il Burj Khalifa di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, al momento la struttura più alta mai realizzata.

La torre è stata progettata dallo studio Adrian Smith+Gordon Gill Architectures di Chicago, lo stesso studio che ha lavorato alla progettazione del Burj Khalifa. Lo studio ha anche disegnato il master plan per i 23 ettari del “Kingdom Tower Waterfront District”, l’area che circonda la torre. Questo spazio all’aperto comprenderà centri commerciali, parchi pubblici e un’area pedonale.

Il design della Jeddah Tower (inizialmente chiamata Kingdom Tower) è allo stesso tempo altamente tecnologico e decisamente organico.

Con il suo affollamento sottile e sottilmente asimmetrico, la torre evoca un fascio di foglie che spuntano da terra. L’elegante forma snella della torre può essere interpretata come un riferimento alle fronde piegate della crescita delle giovani piante del deserto.

Mentre il design è contestuale all’Arabia Saudita, rappresenta anche un’evoluzione e una raffinatezza di un continuum architettonico del design del grattacielo.

La forma multivariata della torre è razionalizzata da un piano a forma di “Y” e da un cono continuamente continuo, che riduce in modo significativo i carichi strutturali eliminando la necessità dei complicati trasferimenti degli stabilizzatori e dei tralicci delle cinghie richiesti in un approccio di arretramento.

Inoltre, ogni ala della torre terminerà a diverse altezze, permettendo loro di assottigliarsi a velocità diverse e stabilire una spira a tre parti distinte.

La struttura portante dell’edificio è costituita interamente da pareti in cemento armato gettato in opera, travi di accoppiamento e strutture per solai in cemento armato convenzionalmente rinforzate. A causa della natura verticale continua e ininterrotta delle pareti, viene utilizzato un sistema di forma a salto altamente efficiente che consentirà un processo di costruzione continuo e ininterrotto.

Il risultato è un design elegante, conveniente ed altamente costruibile, che è allo stesso tempo basato sulla tradizione costruttiva e aggressivamente proiettato verso il futuro, sfruttando il pensiero nuovo e innovativo su tecnologia, materiali da costruzione, considerazioni sul ciclo di vita e risparmio energetico.

Ad esempio, il progetto sarà caratterizzato da un sistema di parete esterna ad alte prestazioni che ridurrà al minimo il consumo energetico riducendo i carichi termici: la Jeddah Tower sarà infatti dotata di un involucro ad alte prestazioni ‘shadowbox’, realizzato con una stratificazione di materiali tale da consentire il massimo isolamento tra interno ed esterno, eliminando completamente il problema degli sbalzi di temperatura.

Le superfici vetrate saranno tutte basso emissive per ridurre il guadagno solare, mentre un particolare sistema connesso alle facciate permetterà di eliminare umidità e condensa.

Una serie di “tasche” interne alla struttura del grattacielo attrezzate a skygarden serviranno creare spazi d’ombra sulla facciata innescando un naturale raffrescamento.

Infine il grattacielo sarà dotato di un sistema di recupero delle acque grigie ed alimentato da energia pulita e rinnovabile.

La grande altezza della Torre di Jeddah richiede uno dei sistemi di ascensori più sofisticati al mondo: la Torre conterrà 59 ascensori, tra cui 54 ascensori a un piano e cinque a due piani, oltre a 12 scale mobili. Gli ascensori che servono l’osservatorio viaggeranno a una velocità di 10 metri al secondo in entrambe le direzioni.

Altra caratteristica unica del progetto è una terrazza panoramica, con un diametro di circa 30 metri (98 piedi), al livello 157. La terrazza panoramica sarà aperta al pubblico e sarà considerata l’osservatorio astronomico più alto del mondo.

 

Clicca qui per conoscere Edificius RTBIM, il Real Time Rendering integrato con il BIM

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *