Immagine categoria varie e brevi

Ingegneri o architetti: a chi compete la progettazione degli impianti?

Il Consiglio di Stato ribadisce che nella competenza professionale degli architetti rientrano tutte le opere di edilizia civile fino a ricomprendere l’intero complesso degli impianti tecnologici a corredo del fabbricato.

Ancora un caso di interpretazione delle norme che regolano le competenze professionali: è la volta degli architetti che ricevono incarichi di progettazione per gli impianti collegati ad un fabbricato.
In particolare, INAIL ex ISPESL aveva negato agli architetti la possibilità di progettare impianti di riscaldamento accessori all’edificio, sostenendo che questo dovesse essere compito di un ingegnere.

Nasce così una vicenda giudiziaria che termina con la Sentenza 1550 del 15 marzo 2013 del Consiglio di Stato che accoglie il ricorso dell’Ordine degli Architetti di Roma.

La Sentenza richiama l’ampia giurisprudenza in materia e ribadisce che nella competenza professionale degli architetti rientrano tutte le “opere di edilizia civile” estese “oltre gli ambiti più specificamente strutturali, fino a ricomprendere l’intero complesso degli impianti tecnologici a corredo del fabbricato, e quindi, non solo gli impianti idraulici ma anche quelli di riscaldamento compresi nell’edificazione”.
Pertanto, sia gli ingegneri che gli architetti possono progettare impianti!

Clicca qui per scaricare la sentenza del Consiglio di Stato del 15 marzo 2013 n_1550

 
1 commento
  1. Enrico Salvini
    Enrico Salvini dice:

    Ingegneri ed Architetti, Geometri e Periti Industrali sono cose diverse con percorsi scolastici, materie, preparazioni culture quindi competenze diverse. Altrimenti non ci sarebbero scuole diverse !!!! è come gli infermieri ed i dottori … entrambi lavorano ed esercitano nello stesso settore ma hanno preparazioni compiti responsabilità diverse. Sarebbe molto semplice ! basterebbe essere onesti intellettualmente e riconoscerle autonomamente, personalmente ma la presunzione ed il quattrino prevalgono. Chi segue questa strada è però un mascalzone.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *