Industria 4.0: i risultati del 2017 e le linee guida per il 2018

Industria 4.0: positivi i risultati del 1° semestre 2017 circa l’acquisto beni strumentali, le spese in ricerca e sviluppo, i contratti di sviluppo. Confermate le misure per il 2018 

Il Piano nazionale Industria 4.0 prevede un insieme di misure agevolative per le imprese che intendono crescere ed innovarsi, atte a favorire investimenti per l’innovazione e per la competitività.

Il 19 settembre a Montecitorio sono stati presentati dai Ministri Carlo Calenda (Sviluppo Economico), Pier Carlo Padoan (Economia e Finanza), Giuliano Poletti (del Lavoro) e Valeria Fedeli (dell’Istruzione) i risultati del 2017 e le linee guida per il 2018 del Piano Industria 4.0 che, entrato nella seconda fase, cambia nome in “Impresa 4.0“.

Risultati 2017

Positivi i risultati relativi al 1° semestre 2017, che hanno segnalato un incremento relativamente al mercato interno di beni strumentali.

In particolare il settore:

  • “macchinari e altri apparecchi” segna un incremento dell’11,6%
  • “apparecchiature elettriche ed elettroniche” registra un aumento del 10,7%
  • le altre categorie crescono del 6,1%

Da segnalare, inoltre:

  • un aumento tra il 10 e il 15% delle spese in Ricerca Sviluppo e Innovazione
  • una crescita del +2% degli investimenti early stage 
  • un’aumento del 10,7% dell’importo dei crediti garantiti dal Fondo di Garanzia

Positivi anche i dati riferiti ai Contratti di sviluppo.

Si è registrato, infatti, un incremento dei finanziamenti tramite i contratti di sviluppo: 102 al 1° settembre 2017, di cui 88 al sud e 14 al centro-nord.

Con i contratti di sviluppo, da settembre 2011 a settembre 2017, sono state concesse complessivamente agevolazioni per circa 1,9 miliardi (di cui 1,7 al sud) e sono stati creati o salvaguardati più di 53.000 posti di lavoro.

In riferimento al Piano banda ultra larga, da segnalare uno stanziamento per interventi pubblici pari a 3,5 miliardi di euro per infrastrutture e per incentivi alla domanda di famiglie e imprese al fine di raggiungere gli obiettivi di copertura al 2020.

In allegato le slide con tutti i numeri presentati dai ministri, in dettaglio.

Linee guida 2018

A fronte dei risultati riscontrati, il Mise ha annunciato che nel 2018 verranno rifinanziate le principali misure previste nel primo anno, rivedendo le aliquote e i perimetri degli incentivi, compatibilmente con le risorse pubbliche disponibili.

Per il 2018 il Piano si fonderà sui seguenti obiettivi principali:

  • investimenti innovativi
    • investimenti privati da 80 a 90 miliardi nel biennio 2017-2018
    • aumentare la spesa privata in Ricerca e Sviluppo
    • più investimenti privati in early stage delle nuove imprese
  • strumenti pubblici di supporto
    • più credito con riforma e finanziamento del Fondo di Garanzia
    • incrementare i contratti di sviluppo
    • rafforzare Piano Made in Italy per le catene digitali di vendita
  • piano banda ultralarga
    • 100% aziende connesse a 30 Mbps e il 50% a 100 Mbps
  • competenze
    • formare 200.000 universitari e 3.000 manager su temi 4.0
    • creare un ponte tra imprese e ricerca
    • promuovere il lavoro 4.0

 

Clicca qui per scaricare le slide

Clicca qui per conoscere PriMus, il software per computo metrico e contabilità lavori

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *