Indagini diagnostiche edifici scolastici, l’elenco delle somme ripartite tra Regioni e Province

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Indagini diagnostiche edifici scolastici, in Gazzetta il decreto di riparto di 7,5 milioni di euro per le verifiche sui solai e controsoffitti


Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 23 dicembre 2017 il decreto 1 settembre 2017 contenente lo Scorrimento delle graduatorie relative alle indagini diagnostiche in base a cui viene ripartita la somma complessiva di 7.581.976,30 euro tra Regioni e Province per le verifiche sui solai.

In allegato al decreto l’elenco (Allegato A) con le risorse assegnate in favore degli enti locali beneficiari e non, che sono inseriti in graduatoria in posizione utile ma non ancora finanziati, e la descrizione dell’edificio interessato.

Su tali interventi possono essere previste forme di cofinanziamento da parte degli enti locali.

Obiettivo

Il decreto, di attuazione della legge 107/2015 (Buona Scuola), ha lo scopo di garantire la sicurezza degli edifici scolastici e di prevenire eventi di crollo dei relativi solai e controsoffitti.

Termini e modalità

Gli enti locali beneficiari dei finanziamenti devono:

  • avviare le procedure di gara, con pubblicazione del relativo bando relativo all’affidamento delle indagini diagnostiche degli edifici contenuti nell’allegato
  • affidare le indagini entro 120 giorni dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale e dare comunicazione al Miur dell’avvenuto affidamento dei lavori tramite l’apposito applicativo

Di seguito l’elenco, in allegato al decreto, con la ripartizione delle somme tra le Regioni e le Province:

Abruzzo: 253.584,18

  • Chieti 97.532,38
  • L’Aquila 0
  • Pescara 78.025,90
  • Teramo  78.025,90

Basilicata: 151.692,64

  • Matera 59.624,65
  • Potenza 92.067,99

Calabria: 367.972,46

  • Catanzaro 106.203,58
  • Cosenza 85.752,45
  • Crotone 36.691,48
  • Reggio Calabria 98.772,53
  • Vibo Valentia 40.552,42

Campania: 661.206,06

  • Avellino 60.549,34
  • Benevento 45.879,90
  • Caserta 116.380,08
  • Napoli 292.357,39
  • Salerno 146.039,35

Emilia-Romagna: 534.504,18

  • Bologna 237.557,41
  • Ferrara 0
  • Forlì 106.900,84
  • Modena 0
  • Parma 95.002,97
  • Piacenza 0
  • Ravenna 95.042,96
  • Reggio Emilia 0
  • Rimini  0

Friuli-Venezia Giulia: 229.175,35

  • Gorizia 48.247,45
  • Pordenone 0
  • Trieste 48.247,44
  • Udine 132.680,46

Lazio: 621.882,39

  • Frosinone 85.243,85
  • Latina 80.495,57
  • Rieti 37.806,93
  • Roma 376.597,46
  • Viterbo 41.738,58

Liguria: 224.505,90

  • Genova 157.455,90
  • Imperia 0
  • La Spezia 0
  • Savona 67.050,00

Lombardia: 1.144.585,74

  • Bergamo 0
  • Brescia 155.008,69
  • Como 0
  • Cremona 24.197,44
  • Lecco 61.511,61
  • Lodi 0
  • Mantova 152.230,70
  • Milano 340.617,59
  • Monza e della Brianza 307.274,31
  • Pavia 103.745,40
  • Sondrio 0
  • Varese 0

Marche: 292.988,57

  • Ancona 88.260,00
  • Ascoli Piceno 52.344,18
  • Fermo 19.154,62
  • Macerata 62.150,00
  • Pesaro 71.079,77

Molise: 51.000,00

  • Campobasso 35.000,00
  • Isernia 16.000,00

Piemonte: 620.030,26

  • Alessandria 314.023,82
  • Asti 123.587,20
  • Biella 6000
  • Cuneo 98.319,24
  • Novara 0
  • Torino 0
  • Verbano-Cusio-Ossola 61.000,00
  • Vercelli 17.100,00

Puglia: 585.572,52

  • Bari 188.166,46
  • Barletta 22.346,51
  • Brindisi 64.139,00
  • Foggia 99.650,00
  • Lecce 127.738,44
  • Taranto 83.532,11

Sardegna: 176.189,86

  • Cagliari 71.000,00
  • Carbonia-Iglesias 2.880,00
  • Medio Campidano 2.107,28
  • Nuoro 27.000,00
  • Ogliastra 2.869,37
  • Olbia-Tempio 5.218,53
  • Oristano 22.114,68
  • Sassari 43.000,00

Sicilia: 547.579,35

  • Agrigento 53.292,07
  • Caltanissetta 34.989,01
  • Catania 108.351,50
  • Enna 21.614,99
  • Messina 51.299,96
  • Palermo 120.710,28
  • Ragusa 34.774,86
  • Siracusa 51.444,59
  • Trapani 71.102,09

Toscana: 532.009,33

  • Arezzo 47.942,00
  • Firenze 142.809,60
  • Grosseto 0
  • Livorno 52.800,00
  • Lucca 69.000,00
  • Massa-Carrara 0
  • Pisa 77.030,00
  • Pistoia 38.584,91
  • Prato 51.376,65
  • Siena 52.466,17

Umbria: 166.440,00

  • Perugia 33.800,00
  • Terni 132.640,00

Veneto: 421.057,51

  • Belluno 0
  • Padova 0
  • Rovigo 0
  • Treviso 302.992,51
  • Venezia 0
  • Verona 0
  • Vicenza 118.065,00

Totale: 7.581.976,30 milioni di euro

 

Clicca qui per scaricare il decreto 1 settembre 2017

Clicca qui per conoscere EdiLus-EE, il software per la verifica e l’adeguamento sismico di edifici esistenti in c.a.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *