Contributi Inarcassa, come chiedere la deroga al minimo integrativo

Inarcassa, attestazione di regolarità contributiva più facile per ingegneri e architetti

Inarcassa e attestazione di regolarità contributiva, alleggeriti i requisiti  per il rilascio dell’attestazione necessaria per partecipare a gare di appalto e per ricevere i compensi ai professionisti

La regolarità contributiva è uno dei requisiti richiesti ai progettisti per partecipare a gare di appalto e per ricevere la liquidazione dei relativi compensi, come previsto dal Codice Appalti (D.Lgs. 163/2006).

Si tratta di un documento che attesta la regolarità dei versamenti dei professionisti nei confronti di Inarcassa, loro ente previdenziale.

Tenuto conto delle difficoltà del mercato del lavoro e delle non facili condizioni in cui versano gran parte dei professionisti, il Consiglio di amministrazione di Inarcassa ha deliberato che dal primo novembre 2015 i requisiti per il rilascio dell’attestato di regolarità contributiva ad architetti e ingegneri saranno meno stringenti.

Ecco le misure adottate allo scopo di semplificare le procedure per il rilascio dell’attestato documento di regolarità contributiva:

  • il mancato pagamento della contribuzione minima corrente (3.016 euro nel 2015) non sarà considerato elemento di irregolarità grave, con conseguente impossibilità di rilascio del certificato
  • la soglia di debito grave passerà da 100 euro a 500 euro
  • il professionista avrà a disposizione 15 giorni anziché 7 per la regolarizzazione spontanea dei debiti o per l’omessa dichiarazione dei redditi, al fine di ottenere il via libera per le stazioni appaltanti
  • la validità del certificato sarà estesa da 90 a 120 giorni

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa Inarcassa sulla regolarità contributiva di ingegneri e architetti

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *