Inarcassa: entro il 31 maggio le richieste per la deroga al minimo soggettivo 2018

Ingegneri e architetti che produrranno un reddito inferiore a 15.931 euro possono presentare la deroga al minimo soggettivo entro il 31 maggio 2018. Ecco come fare

Ingegneri e architetti che prevedono di conseguire per il 2018 un reddito professionale inferiore a 15.931 euro possono non versare il contributo soggettivo minimo e pagare il 14,5% del solo reddito effettivamente prodotto entro dicembre 2019, dopo la presentazione della dichiarazione on line.

La norma prevede, infatti, la possibilità di derogare all’obbligo della contribuzione minima soggettiva per un massimo di 5 anni – anche non continuativi – nell’arco della vita lavorativa, per chi produce redditi inferiori al valore corrispondente al contributo minimo soggettivo.

Nel corso dell’anno di deroga restano garantiti i servizi di assistenza, quali:

  • maternità
  • sussidi
  • indennità temporanea inabilità
  • mutui e finanziamenti
  • domanda di riscatto (laurea, servizio militare, periodi di lavoro all’estero) o di ricongiunzione dei periodi assicurativi maturati presso altre gestioni previdenziali.

Il contributo minimo integrativo e il contributo di maternità vanno comunque versati entro i termini previsti (30 giugno e 30 settembre dell’anno in corso).

I requisiti sono i seguenti:

  • essere iscritto ad Inarcassa al momento della richiesta
  • non essere pensionando o pensionato Inarcassa
  • non usufruire della riduzione per i giovani under 35 anni
  • non aver esercitato la facoltà di deroga già per 5 volte.

Come presentare la domanda

Per l’anno 2018 la deroga deve essere richiesta entro e non oltre il 31 maggio, esclusivamente in via telematica tramite l’applicativo disponibile nell’area riservata di Inarcassa On Line al menù “Agevolazioni – Deroga contributo soggettivo minimo”.

Nel caso di provvedimenti di iscrizione adottati successivamente al 31 maggio, la domanda di deroga relativamente all’anno in corso dovrà essere presentata entro il mese successivo al ricevimento della notifica di iscrizione (esempio: se la notifica è ricevuta entro il mese di luglio, la domanda di deroga deve essere presentata entro il 31 agosto) secondo le modalità specificate nella notifica stessa.

 

Clicca qui per accedere al sito Inarcassa

Clicca qui per conoscere FacTus, il software ACCA per la fatturazione

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *