In Gazzetta Ufficiale il decreto sul rischio vibrazioni. Dal 1° gennaio 2006 nuovi oneri per datori di lavoro, RSPP e Coordinatori

Il Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 187, "Attuazione della Direttiva 2002/44/CE sulle prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti da vibrazioni", è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 21 settembre 2005, n. 22.

Il Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 187, “Attuazione della Direttiva 2002/44/CE sulle prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti da vibrazioni”, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 21 settembre 2005, n. 22.
Il decreto, che troverà piena applicazione dal 1° gennaio 2006, interessa tutte le attività in cui i lavoratori sono (o possono essere) esposti a rischi derivanti da vibrazioni meccaniche durante il lavoro.
Il provvedimento (art. 3) individua due valori di soglia:

  1. valore limite di esposizione giornaliero;
  2. valore d’azione giornaliero

sia per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio che per quelle trasmesse all’intero corpo.
Il superamento del valore d’azione giornaliero [b)] obbliga il datore di lavoro ad avviare un programma di interventi (sostituzione di attrezzature, individuazione di altri metodi di lavoro, etc.) tesi al contenimento dell’esposizione.
Il superamento dei valori limite di esposizione [a)], invece, dà origine ad una serie di misure di immediata attuazione per riportare i livelli al di sotto della soglia.
Secondo le prescrizioni dell’articolo 4, il datore di lavoro, inoltre, è tenuto ad effettuare la valutazione dei rischi avvalendosi, se disponibili, di banche dati dell’Ispesl o delle Regioni. Nel caso in cui tali informazioni non siano disponibili, il datore di lavoro deve provvedere alla misurazione dei livelli delle vibrazioni meccaniche cui i lavoratori sono esposti.

Documento Dimensione Formato
Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 187 404 Kb ACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *