In consultazione pubblica il Codice appalti. Ecco i 29 articoli coinvolti

Consultazione pubblica Codice appalti: ecco i 29 focus su cui il Mit sollecita le modifiche, dalla qualificazione delle stazioni appaltanti alle linee guida Anac

Al fine di garantire la massima partecipazione degli operatori interessati e dare vita a scelte condivise, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha avviato una consultazione on line su alcuni punti del Nuovo Codice appalti (dlgs 18 aprile 2016, n. 50), oggetto di un futuro intervento di riforma che il Governo intende presentare in autunno.

Questi gli obiettivi della prossima riforma del Codice degli appalti pubblici:

  • garantire l’efficienza del sistema dei contratti pubblici
  • procedere alla semplificazione del quadro normativo, assicurandone la chiarezza
  • eliminare le criticità sul piano normativo e, conseguentemente, sul piano applicativo

I temi sottoposti alla consultazione on line, a partire dall’8 agosto scorso fino al 10 settembre prossimo, scaturiscono dalla raccolta delle criticità più urgenti rilevate durante la costante opera di monitoraggio effettuata dal Ministero nei primi 2 anni di vigenza del Codice, tra cui: associazioni di categoria, fondazioni di studio e ricerca, liberi professionisti, altre  Amministrazioni pubbliche.

Si tratta di 29 capitoli del Codice appalti su cui il Mit ha sollecitato proposte di modifica, limitandosi ad indicare l’articolo e  il comma: dalla in house orizzontale, soft law, al subappalto, appalto integrato e rating d’impresa. Sono, tuttavia, possibili suggerimenti anche su tematiche non presenti nella lista; ciascun operatore potrà segnalare ulteriori tematiche in relazione alle quali ritiene sussistano profili di criticità, indicando contestualmente le soluzioni normative puntuali.

Alcuni sono punti del Codice 2016 ancora non attuati, sui quali mancano i decreti attuativi dello stesso Mit; mentre in altri casi si mettono in osservazione aspetti del Codice già completamente attuati con regolamenti o decreti ad hoc.

Alla consultazione si potrà accedere previa registrazione dalla pagina di accesso.

Nell’ambito della consultazione, gli interventi saranno innanzitutto nominativi e visibili a tutti i partecipanti registrati che, in piena applicazione del principio di trasparenza, potranno effettuarne una breve recensione.

Articoli del Codice appalti in consultazione pubblica

Ecco la lista dei 29 articoli indicati dal Mit ad oggi in consultazione on line, separatamente proposti col riferimento ad argomenti indicati sinteticamente, seguiti dalla puntuale indicazione del riferimento normativo all’interno del Codice.

Articolo 5 comma 3 – In house

In house orizzontale

Disciplina più restrittiva rispetto alla normativa europea e alla giurisprudenza della Corte di Giustizia che richiedono solo la sussistenza del controllo analogo e non anche l’attività prevalente  del soggetto controllato.

Articolo 29, commi 1 e 2 – Oggetto della pubblicazione e termini di decorrenza anche ai fini dell’impugnativa

Trasparenza – pubblicazioni

Oggetto della pubblicazione e termini di decorrenza anche ai fini dell’impugnativa – Obbligatorietà di pubblicare tutti gli atti relativi alle procedure di affidamento e duplice pubblicazione su diversi siti  (stazioni appaltanti e Amministrazioni di pertinenza).

Articolo 31, comma 1 – Nomina e requisiti del RUP

Responsabile Unico del Procedimento – RUP

Disciplina relativa alla nomina e ai requisiti del RUP, anche con riferimento al livello professionale del medesimo.

Articolo 38 – Qualificazione delle stazioni appaltanti e delle centrali di committenza

Elenco delle stazioni appaltanti qualificate

Qualificazione di diritto delle centrali di committenza con particolare riferimento ai soggetti aggregatori regionali. Coordinamento con la disciplina prevista dal decreto legge n. 66 del 2014.
Obbligatorietà dell’iscrizione in un apposito elenco per le stazioni appaltanti che devono procedere agli affidamenti di appalti di lavori servizi e forniture senza distinzione dei relativi ambiti di pertinenza e, indifferentemente, per tutte le fasi relative al procedimento (programmazione, affidamento ed esecuzione).

Articolo 47, comma 2 – Consorzi stabili

Consorzi stabili

Disciplina dei consorzi stabili con particolare riferimento alla necessità dell’avvalimento (prevista dalla norma) di imprese consorziate non designate per l’esecuzione, anche in relazione di cui all’art. 89.

Articolo 48, comma 19-ter – Vicende soggettive relative ai raggruppamenti temporanei e ai consorzi ordinari di operatori economici

Vicende soggettive dei raggruppamenti temporanei di imprese e dei consorzi

Vicende soggettive relative ai raggruppamenti temporanei e ai consorzi ordinari di operatori economici – Rapporto tra mancanza dei requisiti prima e durante la gara e perdita degli stessi successivamente anche ai fini della sostituzione dell’operatore economico.

Articolo 59, commi 1 e 1-bis – Appalto integrato

Appalto integrato

Obbligo, per i lavori, di appaltare su progetto esecutivo e possibili deroghe a tale obbligo.

Articolo 77, commi 1 e 3 – Commissione giudicatrici

Albo presso l’ANAC dei commissari

Procedure di nomina dei commissari, incluso il Presidente, diversificate in relazione all’importo dell’affidamento.
Compensi dovuti ai componenti delle commissioni medesime.

Articolo 80 – Motivi di esclusione

Requisiti di partecipazione

Verifica dei requisiti di carattere generale con riferimento a tutti i soggetti aventi funzioni di direzione, rappresentanza e controllo e ai subappaltatori.
Previsione relativa ai gravi illeciti professionali e alla violazione degli obblighi contributivi e previdenziali.

Self cleaning

Procedimento di verifica dei requisiti cui è subordinata l’efficacia dell’aggiudicazione.

Articolo 83 – Criteri di selezione

Sistema di qualificazione delle imprese per i lavori

Sistema di qualificazione degli operatori economici e raccordo con la disciplina del contraente generale.
Possibilità di prevedere sistemi alternativi di qualificazione (art. 84, c. 12).

Articolo 83, comma 9 – Disciplina del soccorso istruttorio

Soccorso istruttorio

Disciplina del soccorso istruttorio anche con riferimento all’articolo 95, comma 10.

Articolo 83, comma 10 – Rating di impresa

Rating di impresa

Sistema delle rating di impresa e delle relative premialità, anche con riferimento alla dimensione dell’impresa. Definizione dei parametri per l’attribuzione del rating, modalità di assegnazione dei punteggi e suoi effetti.

Articolo 84, comma 4 – Sistema unico di qualificazione degli esecutori di LL.PP. – requisiti

Qualificazione delle imprese

Disciplina dei requisiti rilevanti ai fini della qualificazione, con particolare riferimento all’esperienza maturata negli anni precedenti per i lavori eseguiti e all’arco temporale di riferimento.

Articolo 89, commi 2 e 4 – Avvalimento

Avvalimento

Disciplina dell’avvilimento e meccanismi di sostituzione delle imprese ausiliarie che perdano i requisiti, anche con riferimento ai settori speciali.

Articolo 95, commi 4 e 5 – Criteri di aggiudicazione

Criteri di aggiudicazione

Disciplina dei criteri di aggiudicazione (minor prezzo o OEPV) nel rispetto delle direttive, anche con riferimento alle soglie e all’affidamento sulla base del progetto esecutivo.

Articolo 95, comma 10 – Costi della manodopera

Costi della manodopera

Indicazione separata dei costi aziendali e dei costi della manodopera.

Articolo 95, comma 10-bis – Punteggio attribuito all’offerta economica

Tetto massimo del punteggio economico

Disciplina relativa alla previsione, in norma primaria, del peso massimo da attribuire all’offerta economica.

Articolo 97, comma 2 e 3 – Calcolo anomalia

Anomalia

Disciplina della soglia di anomalia.
Criteri di calcolo anche con riferimento al numero delle offerte ammesse.

Articolo 97, comma 5, lett. d) – Anomalia – costo del lavoro

Disciplina dell’esclusione dell’offerta con riferimento al costo del lavoro

Valutazione dell’offerta anomala con riferimento sia al costo del lavoro sia ai minimi salariali.

Articolo 102, comma 6 – Albo collaudatori

Albo dei collaudatori

Previsione dell’Albo dei collaudatori e disciplina dei requisiti dei soggetti tenuti all’iscrizione.
Obbligo delle stazioni appaltanti di ricorrere ai soggetti iscritti all’Albo.

Articolo 105 – Subappalto

Subappalto

Disciplina dei limiti con riferimento alla quota subappaltabile e alle categorie dei lavori, servizi e forniture.
Indicazione della terna dei subappaltatori in sede di offerta.
Limiti di affidamento del subappalto anche con riferimento alle imprese che abbiano partecipato infruttuosamente alla stessa gara.
Pagamento diretto.
Rilevanza, ai fini della qualificazione dell’appaltatore, di una quota dei lavori, servizi e forniture affidati in subappalto.

Articolo 110 – Fallimento dell’esecutore e risoluzione del contratto

Fallimento in corso di esecuzione

Coordinamento con la disciplina prevista dalla legge fallimentare e le regole della fase esecutiva dell’appalto.

Articolo 113, comma 1, 2 e 3 – Incentivi per funzioni tecniche

Incentivi

Disciplina degli incentivi anche con riferimento alle attività incentivabili.

Articolo 174, commi 1 e 3 – Subappalto in relazione alle concessioni

Subappalto nelle concessioni

Casi di indicazione, da parte delle imprese offerenti, di una terna di subappaltatori e verifica dei motivi di esclusioni con riferimento agli stessi.

Articolo 177 – Affidamenti dei concessionari

Affidamenti dei concessionari – limiti

Disciplina dell’affidamento a terzi da parte dei concessionari in caso di concessioni non affidate con procedure ad evidenza pubblica (80-20% e 60-40% per le concessioni autostradali) Ambito e limiti di applicazione.

Articolo 196, commi 3 e 4 – Albo direttore dei lavori e collaudatori – Contraente generale

Albo dei direttori di lavori e dei collaudatori per affidamenti a contraente generale

Ricorso obbligatorio a soggetti iscritti in apposito Albo per lo svolgimento dei compiti di direttore dei lavori e di collaudatore in caso di lavori aggiudicati con la formula del contraente generale.
Sorteggio e provenienza.

Articolo 204, comma 1, lett. b) e d) – rito super accelerato

Rito c.d. super speciale – Impugnazione immediata delle ammissioni alla procedura di gara (Modifiche all’articolo 120, commi 2-bis e 6-bis, del codice del processo amministrativo)

1) ricorso al rito super accelerato per impugnare i provvedimenti di esclusione e di ammissione alla gara;
2) obbligo di immediata impugnazione delle ammissioni, con effetto preclusivo di successive impugnazioni nelle fasi successive.

Articolo 211, comma 1 – pareri di precontenzioso dell’Anac

Pareri di precontenzioso

Disciplina dei pareri di precontenzioso
Tempi
Rafforzamento del ruolo dell’Anac
Effetto deflattivo
Potere di impugnativa

Articolo 213 – Semplificazione delle disposizioni attuative del codice

Soft law e linee guida ANAC

Semplificazione delle disposizioni attuative del codice, con particolare riferimento alla natura e alla vincolatività degli stessi.

 

In allegato proponiamo il testo completo con gli articoli e i commi in consultazione pubblica.

 

Clicca qui per conoscere PriMus-C, il software per la redazione automatica di capitolati speciali d’appalto, capitolato generale, schemi di contratto, relazioni tecniche e modulistica

Clicca qui per scaricare l’elenco dei 29 articoli del codice appalti in consultazione pubblica

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *