Tasi e Imu, a dicembre il saldo e poi addio! Ecco i possibili risparmi

Imu e Tasi, il saldo entro mercoledì 16 dicembre 2015

Imu e Tasi, scade mercoledì 16 dicembre 2015 il termine per versare il saldo dei due tributi sugli immobili

Entro mercoledì 16 dicembre occorre procedere con il versamento, mediante F24 o bolettino postale (laddove il Comune lo preveda), del saldo dei 2 tributi Imu e Tasi.

Al fine di evitare errori è sempre opportuno procedere alla consultazione delle delibere del proprio Comune, al fine di individuare in maniera corretta le aliquote deliberate e di eventuali riduzioni/agevolazioni (es. casa concessa al coniuge, etc.). Al riguardo è possibile ricercare le delibere direttamente sul sito del proprio Comune oppure attraverso l’apposito portale del Dipartimento delle Finanze.

Di seguito riproponiamo velocemente le caratteristiche di Imu e Tasi.

Imu

L’Imu (Imposta municipale unica) colpisce le abitazioni principali appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9 (abitazioni di lusso o di pregio), le seconde abitazioni (a prescindere dalla categoria catastale di appartenenza), le aree fabbricabili, i terreni agricoli (con alcune eccezioni come ad esempio i terreni ubicati nei cosiddetti comuni montani) e gli immobili ritenuti a essi strumentali.

Sono soggetti passivi dell’Imu: il proprietario dell’immobile, l’usufruttuario, il titolare di diritto di abitazione, di enfiteusi, di superficie e d’uso, il locatario di bene in leasing e il concessionario di beni demaniali.

Tasi

Sono soggetti alla Tasi (Tassa sui servizi indivisibili):

  • i fabbricati, inclusa l’abitazione principale e pertinenze
  • le aree edificabili
  • le aree scoperte (es. parcheggi)

La Tasi non colpisce i terreni agricoli.

Sono soggetti passivi Tasi sia il possessore dell’immobile (a titolo di proprietà o altro diritto reale: usufrutto, uso, abitazione, superficie, ecc.) che il detentore (es. inquilino) se per quest’ultimo il periodo di possesso si protrae per almeno 6 mesi nel corso dell’anno.

Da ricordare che Imu e Tasi sono dovute in base ai mesi ed alla percentuale di possesso (va considerato per intero il mese in cui il possesso si è protratto per oltre 15 gionri –  D.Lgs. n. 23/2011).

 

Clicca qui per accedere al portale del Dipartimento delle Finanze

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *