Il TAR del Lazio blocca il “fascicolo del fabbricato”: troppi oneri per i cittadini

Il TAR del Lazio (sentenza del 13 novembre 2006, n. 12320) ha annullato la delibera n. 27/2004 del Comune di Roma e la Delibera della Regione Lazio n. 6/2005 che, in attuazione della L.R. 31/2002, avevano reso operativo l’obbligo di redigere il “fascicolo del fabbricato” per tutti gli edifici.

Il TAR del Lazio (sentenza del 13 novembre 2006, n. 12320) ha annullato la delibera n. 27/2004 del Comune di Roma e la Delibera della Regione Lazio n. 6/2005 che, in attuazione della L.R. 31/2002, avevano reso operativo l’obbligo di redigere il “fascicolo del fabbricato” per tutti gli edifici.
La sentenza risulta di particolare interesse, anche al di fuori dei territori direttamente interessati dai suoi effetti, in particolare per le motivazioni della stessa.
I magistrati hanno infatti ritenuto illegittimi gli adempimenti previsti dai due citati provvedimenti, in quanto:

  • eccessivamente gravosi per i proprietari;
  • inutili trattandosi per lo più di dati che sarebbero già in possesso della pubblica amministrazione ovvero da essa facilmente reperibili.
Documento Dimensione Formato
TAR Lazio – Sentenza del 13 novembre 2006, n. 12320 160 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *