Il Professionista ha diritto di essere remunerato dalla P.A. anche senza incarico

Le stazioni appaltanti devono pagare il professionista per la redazione di un progetto anche in assenza di un incarico non formalmente conferito: è sufficiente che il progetto sia utilizzato per richiedere un finanziamento (anche non ottenuto).

Le stazioni appaltanti devono pagare il professionista per la redazione di un progetto anche in assenza di un incarico non formalmente conferito: è sufficiente che il progetto sia utilizzato per richiedere un finanziamento (anche non ottenuto).

Tale principio è stato affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza 24 ottobre 2008 n. 25717.
La Cassazione ha chiarito che il semplice utilizzo del progetto dà titolo alla remunerazione, in virtù del principio per cui un soggetto pubblico non può trovare un arricchimento senza giusta causa dall’attività svolta dai privati e che la preventiva assegnazione dell’incarico non è una condizione essenziale per la remunerazione.

Quest’ultima pronuncia della Suprema Corte smentisce una precedente sentenza (Sentenza n. 18450 /2005) della stessa Corte che aveva ritenuto legittima, nel contratto che lega la Stazione Appaltante al professionista esterno, la clausola che subordina il pagamento dell’onorario professionale all’ottenimento del finanziamento necessario alla realizzazione dell’Opera.

Clicca qui per scaricare il testo della Sentenza n. 27517/2008

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *