Il MIT ha pubblicato il report sulla consultazione del Codice dei Contratti

Il Ministero delle Infrastrutture ha pubblicato il report sulla consultazione del Codice dei Contratti pubblici, che evidenzia i temi su cui si richiedono modifiche

Il 10 settembre 2018 si è conclusa la consultazione del Codice dei Contratti (dlgs n.163/2006) avviata on-line dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Con essa si è voluta garantire la massima partecipazione degli stakeholders al fine di dar vita ad una scelta il più possibile condivisa per la riforma del Codice dei Contratti pubblici e, nell’ambito delle sue policies:

  • garantire l’efficienza del sistema dei contratti pubblici;
  • procedere alla semplificazione del quadro normativo, assicurandone la chiarezza;
  • eliminare le criticità sul piano normativo e, conseguentemente, sul piano applicativo.

Si segnala che i “temi di riflessione” sottoposti a consultazione costituivano altrettanti punti di emersione delle criticità rilevate durante la costante opera di monitoraggio effettuata dal Ministero nei primi due anni di vigenza del Codice, ovvero segnalate nel tempo al Ministero da un’ampia platea di stakeholders, tra cui associazioni di categoria, fondazioni di studio e ricerca, liberi professionisti, altre Amministrazioni pubbliche.

Gli interventi registrati hanno avuto carattere puntuale, sono stati riferiti allo specifico tema e alla disposizione in consultazione, mettendo in rilievo l’eventuale criticità del quadro normativo vigente e le proposte di modifica. Queste ultime indicano i trend rispetto ai focus tematici predefiniti messi in consultazione. Accanto alle tematiche predefinite, è stata data l’opportunità di segnalare ulteriori profili di criticità.

Le conclusioni del report

I temi predefiniti che hanno destato il maggior interesse, con richieste di profonda modifica degli istituti, sono stati:

  1. il subappalto (art. 105);
  2. i criteri di aggiudicazione (art. 95 commi 4 e 5);
  3. la disciplina dell’anomalia (art. 97 commi 2 e 3);
  4. i dati oggetto di pubblicazione e i termini di decorrenza anche ai fini dell’impugnativa (art. 29 commi 1 e 2);
  5. la nomina e i requisiti del RUP (art. 31 comma 1);
  6. i motivi di esclusione (art. 80);
  7. gli incentivi per le funzioni tecniche (art. 113).

Inoltre, soprattutto le Pubbliche Amministrazioni hanno chiesto profonde modifiche degli istituti di cui alle lettere a), d),e), f), g).

Esse hanno anche proposto la riforma della disciplina delle commissioni giudicatrici e dell’albo dei commissari presso l’ANAC (art. 77, commi 1 e 3).

Sui medesimi temi si è registrata la sostanziale convergenza delle aziende private e dei liberi professionisti, con un maggior interesse rispetto alla riforma dei criteri di aggiudicazione (art. 95, commi 4 e 5), di quelli di nomina dei Responsabili Unici del Procedimento (RUP) e dei relativi requisiti (art. 31, comma 1).

Una netta presa di posizione con richiesta di abrogazione, sia pur con contributi numericamente meno ampi dei precedenti, ha riguardato:

  1. la soft law e le linee guida (art. 213), con una sostanziale richiesta di superamento dell’esperienza che avrebbe determinato incertezza e instabilità del quadro normativo;
  2. il rito super speciale, ritenuto inidoneo sul piano processuale a raggiungere l’obiettivo di deflazionare il contenzioso (come emerge dall’analisi congiunta dei contributi pervenuti sull’art. 204, comma 1, lett. b e d, e sull’ art. 29, comma 1);
  3. l’avvalimento (art. 89, commi 2 e 4), per evitare che imprese non adeguatamente qualificate partecipino alle gare.

Si segnalano, infine, le richieste di modifica sui temi:

  • dell’elenco delle stazioni appaltanti qualificate (art. 38), rispetto al quale si chiede di tener conto della natura dei soggetti e degli ambiti di operatività;
  • dell’appalto integrato (art. 59, commi 1 e 1-bis), articolo commentato in prevalenza da soggetti privati, con richiesta di modifica volta a limitare, in senso più o meno ampio, l’utilizzo dell’istituto;
  • del rating d’impresa (art. 83), per il quale le varie richieste di modifica hanno segnato visioni riformatrici dell’istituto completamente antitetiche (es.: abolizione o previsione di obbligatorietà);
  • della qualificazione delle imprese (art. 84, comma 4), per il quale si registrano, accanto alle prevalenti richieste di modifica dell’istituto, anche proposte di conferma dello stesso;
  • dei costi della manodopera (art. 95, comma 10), con necessità di precisazioni sul tenore della disposizione, anche a maggior tutela dei lavoratori;
  • del punteggio massimo all’offerta economica (art. 95, comma 10-bis), per il quale sono risultate numericamente quasi equivalenti le richieste di abrogazione e di modifica, queste ultime antitetiche rispetto alla previsione della discrezionalità della stazione appaltante, per taluni da limitare per altri da ampliare.

 

Clicca qui per conoscere PriMus il software per la contabilità dei lavori

Clicca qui per scaricare il report

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *