Il diniego del Permesso di Costruire deve essere motivato

La Legge n. 15 del 2005 ha modificato l’iter per il rilascio del Permesso di Costruire.

La Legge n. 15 del 2005 ha modificato l’iter per il rilascio del Permesso di Costruire.
Con l’entrata in vigore della suddetta Legge (8 marzo 2005) , qualsiasi provvedimento di diniego non può essere adottato senza che sia stata preventivamente inviata al richiedente una comunicazione che illustri i motivi che ostano all’accoglimento della domanda.
Questi, entro dieci giorni dal ricevimento di tale comunicazione, può presentare delle osservazioni scritte eventualmente corredate da ulteriore documentazione.
Nel caso in cui l’Amministrazione ritenesse comunque di adottare un provvedimento di diniego del Permesso di Costruire dovrà obbligatoriamente motivarlo adeguatamente, chiarendo anche i motivi del mancato accoglimento delle osservazioni del richiedente.
Il TAR del Lazio, Con la sentenza 18 maggio 2005, n. 3921, ha annullato un provvedimento di diniego di un permesso di costruire perchè il comune non ha provveduto a comunicare al privato i motivi per cui intendeva respingere la domanda, impedendo di fatto la partecipazione al procedimento e la presentazioni di proprie osservazioni.

DocumentoDimensioneFormato
Sentenza n. 3921/2005 del TAR Lazio137 KbACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *