Il datore di lavoro è responsabile degli incidenti dovuti a mezzi non dotati di opportuni sistemi di protezione

La Cassazione sancisce l’obbligo del datore di lavoro di dotare i propri dipendenti esclusivamente di mezzi di nuova generazione con tutti i sistemi di protezione e sicurezza.

Il datore di lavoro è responsabile della morte di un lavoratore che utilizzava macchinari obsoleti, non dotati di opportuni sistemi di protezione e sicurezza.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con Sentenza n. 6854 del 21 febbraio 2012, condannando il datore di lavoro per omicidio colposo, per aver fatto utilizzare al proprio dipendente un rullo compressore in salita, senza che il mezzo fosse dotato di misure opportune a garantire l’immediato arresto qualora la leva del cambio fosse mandata in folle.
Indipendentemente dalla causa che ha determinato la morte del lavoratore, ossia errata manovra o guasto meccanico, l’incidente non sarebbe avvenuto qualora si fosse utilizzato un mezzo di tipo più moderno, con opportuni sistemi di sicurezza, già in commercio da diversi anni.
La Sentenza, pertanto, sancisce l’obbligo del datore di lavoro di dotare i propri dipendenti esclusivamente di mezzi di nuova generazione con tutti i sistemi di protezione e sicurezza.

Clicca qui per scaricare la Sentenza n. 6854 del 21 febbraio 2012

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *