Il controllo dei requisiti dell’impresa è lecito anche dopo il contratto

Il Consiglio di Stato afferma (sentenza n.1227/2003) che il controllo dei requisiti di partecipazione dichiarati dall’impresa può avvenire anche dopo la stipula del contratto di appalto.

Il Consiglio di Stato afferma (sentenza n.1227/2003) che il controllo dei requisiti di partecipazione dichiarati dall’impresa può avvenire anche dopo la stipula del contratto di appalto.
Se la Stazione Appaltante, inoltre, accerta la non veridicità dei requisiti dichiarati rescinde legittimamente il contratto, incamera la cauzione e trasmette gli atti all’Autorità di Vigilanza per l’emissione delle sanzioni per la violazione dell’art. 10 comma 1-quater L. 109/94.

Documento Dimensione Formato
Sentenza n.1227/2003 del Consiglio di Stato 53 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *