Immagine categoria approfondimenti tecnici

ICI: entro il 30 giugno il versamento della prima rata. E per gli immobili condonati?

Entro il prossimo 30 giugno deve essere versata la prima rata dell’Imposta Comunale sugli Immobili.

Entro il prossimo 30 giugno deve essere versata la prima rata dell’Imposta Comunale sugli Immobili.
L’importo da versare è pari al 50% dell’imposta dovuta, ed è calcolato sulla base dell’aliquota e delle detrazioni deliberate dal comune per l’anno; la seconda rata deve essere pagata nel periodo 1° – 20 dicembre.
Il contribuente ha comunque la facoltà di pagare l’imposta complessivamente dovuta in un’unica soluzione, entro il 30 giugno.
Cosa accade per gli immobili oggetto di regolarizzazione edilizia ai sensi del D.L. 269/03 (condono 2003)?
La risposta è fornita (almeno in parte) dal Dipartimento per le politiche Fiscali nella circolare n. 2/DPF del 7 giugno 2004 che reca: “Chiarimenti in ordine al pagamento dell’imposta comunale sugli immobili (ICI). Art. 10 del D.Lgs.30 dicembre 1992, n. 504 ed art. 2, comma 41, della legge 24 dicembre 2003, n. 350.”
In tale documento si chiarisce anzitutto che, in base alla Legge Finanziaria 2004 (art. 2 comma 41 L. 350/2003) l’imposta è dovuta a partire dal 1° gennaio 2003 (sempre che l’immobile in questione sia stato ultimato prima di tale data).
Il documento prosegue inoltre chiarendo che per gli immobili regolarizzati entro il prossimo 30 giugno deve essere effettuato un versamento, a titolo di acconto, per un importo pari a 2 € per ogni metro quadrato di superficie regolarizzata.
Nulla viene detto, tuttavia, per chi alla data del 30 giugno 2004 non avesse presentato l’istanza di definizione degli illeciti edilizi; ricordiamo, infatti, che è stata appena convertito il Legge il D.L. 80/2004 che differisce al prossimo 31 luglio il termine per la presentazione di tali istanze.
Per coloro che presenteranno le domande di condono nel periodo compreso tra il 30 gugno ed il 31 luglio, al momento, l’unica strada percorribile sembra essere il pagamento tardivo avvalendosi del ravvedimento.

Documento Dimensione Formato
Circolare n.2/DPF del 7 giugno 2004 126 Kb PDF
L. 350/2004 265 Kb ACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *