I Chiarimenti dell’Autorità di Vigilanza sulle polizze dei progettisti

Le garanzie che il progettista deve fornire alla stazione appaltante sono disciplinate dall’art. 111 del Codice dei Contratti.

Le garanzie che il progettista deve fornire alla stazione appaltante sono disciplinate dall’art. 111 del Codice dei Contratti.
Esso prevede che, nei contratti relativi a lavori, i progettisti incaricati della progettazione posta a base di gara (e in ogni caso della progettazione esecutiva) siano muniti di una polizza di responsabilità civile professionale per i rischi derivanti dallo svolgimento delle attività di propria competenza, per tutta la durata dei lavori e sino alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio.
La polizza dei progettisti deve coprire, oltre alle nuove spese di progettazione, anche i maggiori costi che la stazione appaltante deve sopportare per le varianti resesi necessarie in corso di esecuzione.
La mancata presentazione da parte dei progettisti della polizza di garanzia esonera le amministrazioni pubbliche dal pagamento della parcella professionale.
Su segnalazione degli Ordini Professionali, l’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici ha rilevato che alcuni bandi di gara relativi all’affidamento di incarichi di progettazione, richiedono, ai professionisti concorrenti, la presentazione di una cauzione provvisoria ai sensi dell’articolo 75 del D.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 (di seguito Codice) e di una cauzione definitiva, ai sensi dell’articolo 113 del medesimo decreto legislativo.
Nell’interpretazione di alcune Stazioni Appaltanti, i citati articoli 75 e 113, si riferirebbero, oltre che alle garanzie degli esecutori dei lavori pubblici, anche ai fornitori di servizi, tra i quali rientrerebbero quelli di ingegneria attinenti ai lavori pubblici.
Con la Determinazione n. 6/2007 dell’11 luglio 2007 l’Autorità smentisce quest’ultima interpretazione precisando che:

  • la polizza per responsabilità civile disciplinata dall’art. 111 del D. Lgs. n. 163/2006 riveste carattere esclusivo nelle procedure per l’affidamento di incarichi di progettazione;
  • le stazioni appaltanti non possono richiedere ai progettisti garanzie aggiuntive o difformi da quelle previste e disciplinate dal predetto articolo 111 del medesimo decreto legislativo.
Documento Dimensione Formato
Determinazione n. 6/2007 45 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *