Horizon 2020, in palio oltre 3 milioni di euro per la ricerca su fotovoltaico, riscaldamento ospedali e anidride carbonica

Horizon 2020, la Commissione europea ha presentato il 5 luglio 3 nuovi premi per un totale di 3,25 milioni di euro per incoraggiare l’innovazione relativamente a fotovoltaico, riscaldamento ospedali e riutilizzo anidride carbonica

Lo scorso 5 luglio la Commissione europea ha istituito un bando da 3,25 milioni di euro per l’assegnazione di 3 nuovi premi nell’ambito del programma Horizon 2020 per la ricerca e l’innovazione in campo energetico.

Gli argomenti dei 3 bandi riguardano le energie rinnovabili ed un possibile sfruttamento di tali energie in diversi settori:

  1. photovoltaics meets history (fotovoltaico nei distretti urbani storici): valore di 750 mila euro, presentazione della candidatura entro il 26 settembre 2018. Il premio verrà assegnato al miglior progetto architettonico ed estetico per un sistema energetico fotovoltaico che allo stesso tempo presenti una soluzione tecnica ottimale. Riguarda i vincoli tecnici nell’integrazione delle fonti energetiche fotovoltaiche nei distretti urbani storici.
  2. low carbon hospital (ricerca di fonti di energia per il riscaldamento negli ospedali): valore di 1 milione di euro, presentazione della candidatura entro il 3 aprile 2019. Il premio andrà alla soluzione innovativa che integra diverse tecnologie in un unico sistema energetico in grado di garantire l’approvvigionamento energetico senza interruzioni. Riguarda la possibilità di trovare soluzioni per l’utilizzo del 100% di fonti di energia rinnovabile per il riscaldamento e la produzione di energia negli ospedali
  3. CO2 reuse (riutilizzo dell’anidride carbonica): valore di 1,5 milioni di euro, presentazione della candidatura entro il 03/04/2019. Il premio è rivolto allo sviluppatore di un prodotto innovativo che riutilizzi anidride carbonica, apportando un reale contributo alla riduzione delle emissioni

Horizon 2020, cos’è

Horizon 2020 è lo strumento di finanziamento rivolto alla ricerca scientifica e all’innovazione, istituito dalla Commissione europea, con un budget di circa 80 miliardi di euro, per 7 anni, dal 2014 al 2020.  Ad oggi si sono conclusi già i primi 100 progetti.

Horizon 2020 finanzia quei progetti di ricerca rivolti all’innovazione scientifica e tecnologica, che producano un reale e significativo cambiamento nella vita quotidiana.

In pratica vengono definiti 5 ambiziosi obiettivi da raggiungere entro il 2020:

  1. occupazione
  2. innovazione
  3. istruzione
  4. inclusione sociale
  5. clima/energia

I tre obiettivi principali di Horizon 2020 sono:

  1. Exellent science con un budget pari a 24.598 miliardi di euro, volto  a garantire il primato dell’Europa nel settore scientifico a livello mondiale
  2. Industrial Leadership, con un budget pari a 17. 938 miliardi, diretto a   sostenere la ricerca e l’innovazione dell’industria europea, con una forte attenzione verso le tecnologie abilitanti e gli  investimenti a favore delle piccole imprese.
  3. Societal challenges , con un budget pari a 31,748 miliardi per Risorse destinate ad affrontare le grandi sfide globali nei settori:
    • della Salute e del cambiamento demografico e benessere
    • della sicurezza dell’alimentazione, agricoltura sostenibile, bio-economia
    • dell’ Energia sicura, pulita ed efficiente
    • dei  Trasporti intelligenti, “verdi” e integrati delle  azioni climatiche ed efficienza delle risorse ( incluse materie prime) per una Società inclusiva, innovativa e sicura

Di seguito proponiamo la playlist di video della Commissione europea che spiega cos’è il programma Horizon 2020, chi può partecipare e quali sono i temi del progetto. In allegato inoltre proponiamo l’opuscolo ufficiale sul programma Horizon 2020 in breve.

 

Clicca qui per accedere al sito ufficiale della Commissione con tutti i dettagli

Clicca qui scaricare l’opuscolo ufficiale

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *