Immagine categoria approfondimenti tecnici

Gli interventi del FAI: il Castello di Masino – Caravino (TO)

Proseguono gli approfondimenti di BibLus-net dedicati alle attività del FAI (Fondo per l’Ambiente, le cui attività sono sostenute da ACCA software) che illustrano, in dettaglio, alcuni degli interventi più recenti effettuati dalla fondazione no profit per la tutela, la salvaguardia e la cura del patrimonio artistico e naturalistico.

Proseguono gli approfondimenti di BibLus-net dedicati alle attività del FAI (Fondo per l’Ambiente, le cui attività sono sostenute da ACCA software) che illustrano, in dettaglio, alcuni degli interventi più recenti effettuati dalla fondazione no profit per la tutela, la salvaguardia e la cura del patrimonio artistico e naturalistico.
In questa edizione della Newsletter ci occupiamo del progetto di Restauro conservativo e rifunzionalizzazione del Palazzo delle Carrozze annesso al Castello di Masino – Caravino (TO).
Il Castello di Masino sorge, a meno di un’ora di viaggio da Torino, in posizione panoramica e domina l’ampia piana del Canavese, delimitata dalla Serra d’Ivrea.
Il progetto, redatto dall’Arch. Paolo Cattaneo e dall’Ing. Lorenzo Jurina è finanziato dall’Unione Europea (Reg. CE 1260/99 Docup 2000/2006. Misura 3.2 area Obiettivo2 – Regione Piemonte) e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Ripartizione della quota dell’otto per mille dell’IRPEF devoluto dai cittadini alla diretta gestione statale per l’anno 2003).
Il progetto impostato dal FAI nel 2002, prevede, tra l’altro,

  • il restauro conservativo dei fronti intonacati;
  • il consolidamento strutturale dell’edificio e la realizzazione di opere di rifunzionalizzazione del piano terra e del piano seminterrato, finalizzate ad ospitare sia l’attività museale, che quella ricettivo-convegnistica e di ristorazione, con la realizzazione di una sala polifunzionale nel grande salone delle Carrozze.

La fine dei lavori, iniziati nel settembre 2004, è prevista per il prossimo autunno.


Clicca sull’immagine per guardare i dettagli del progetto
 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *