Gli incentivi del governo per mobili, elettrodomestici e PC sono legati alla ristrutturazione dell’immobile

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 34 dell’11/02/2009 è stato pubblicato il DL n. 5 del 10 febbraio 2009 recante "Misure urgenti a sostegno dei settori industriali in crisi".

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 34 dell’11/02/2009 è stato pubblicato il DL n. 5 del 10 febbraio 2009 recante “Misure urgenti a sostegno dei settori industriali in crisi”.

Qui di seguito alcune delle misure previste dal Decreto Legge.

Agevolazioni fiscali per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici (art. 2).
Il decreto ha introdotto una detrazione per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici (ad alta efficienza energetica), computer e tv; la detrazione è fruibile solo se l’acquisto è legato a interventi di recupero del patrimonio edilizio.
L’agevolazione consiste in una detrazione Irpef del 20% da ripartire in 5 anni, calcolata su un importo massimo complessivo di 10mila euro per acquisti da sostenere dal 7 febbraio 2009 al 31 dicembre 2009.

Rottamazione auto (art.1, commi 1, 6 e 8).
Previsto un contributo di 1.500 per l’acquisto di una vettura Euro 4 o Euro 5 per la rottamazione di auto Euro 0, Euro 1 o Euro 2 immatricolate fino al 31 dicembre 1999.
Gli incentivi hanno validità per i veicoli nuovi acquistati, anche in locazione finanziaria, con contratto stipulato tra venditore e acquirente a decorrere dal 7 febbraio 2009 e fino al 31 dicembre 2009, purché immatricolati non oltre il 31 marzo 2010.

Rottamazione autocarri e autocaravan (art. 1, commi 2, 6 e 8).
Per la rottamazione di autoveicoli per trasporto promiscuo, autocarri leggeri entro le 3,5 tonnellate, autoveicoli per trasporti specifici, autoveicoli per uso speciale e autocaravan Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 immatricolati prima del 31 dicembre 1999 è previsto un contributo di 2.500 euro per l’acquisto di veicoli nuovi Euro 4 ed Euro 5.
Gli incentivi hanno validità per i veicoli nuovi acquistati, anche in locazione finanziaria, con contratto stipulato tra venditore e acquirente a decorrere dal 7 febbraio 2009 e fino al 31 dicembre 2009, purché immatricolati non oltre il 31 marzo 2010.

Auto a metano, elettriche o a idrogeno (art. 1, commi 3, 6 e 8).
Incentivi per l’acquisto di auto a metano elettriche e a idrogeno con emissioni non superiori a 120 g/km di Co2 (1.500 euro).
Il contributo è cumulabile a quello per la rottamazione delle auto.
Gli incentivi hanno validità per i veicoli nuovi acquistati dal 7 febbraio 2009 e fino al 31 dicembre 2009.

Contributo per impianti a Gpl e a metano (art. 1, comma 7).
A decorrere dal 7 febbraio 2009 il contributo statale per chi vuole trasformare la propria auto da motori a benzina verso alimentazioni a basso impatto ambientale sale, nei limiti della disponibilità prevista, a 500 euro per l’installazione di impianti a Gpl e a 650 euro per l’installazione di quelli a metano.

Clicca qui per scaricare il testo del D.L. n. 5/2009

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *