Fumo di tabacco ambientale

Agenti inquinanti aria indoor: l’opuscolo fumo di tabacco ambientale

Opuscolo del Ministero sul fumo di tabacco ambientale: cos’è, gli effetti sulla salute, le misure per ridurre l’esposizione

La presenza di fumatori all’interno di un ambiente confinato rappresenta una delle principali fonti di inquinamento dell’aria indoor.

Come il fumo attivo, anche il fumo passivo è stato di recente classificato come sostanza cancerogena per l’uomo. Soprattutto negli ambienti chiusi, infatti, il fumo di sigaretta può creare concentrazioni di polveri sottili molto elevate, fino a 100 volte superiori ai limiti di legge consentiti per l’ambiente esterno.

Il fumo di tabacco ambientale interessa un’ampia popolazione; è a rischio infatti il 65% dei non fumatori, circa 20 milioni di persone.

Il Ministero della salute ha pubblicato l’opuscolo sul fumo di tabacco ambientale che ha lo scopo di chiarire cos’è, quali sono gli effetti sulla salute e le principali misure per ridurre l’esposizione.

Fumo di tabacco ambientale, cos’è

Il fumo di tabacco ambientale è, in pratica, il fumo prodotto da una sigaretta nell’ambiente e che viene involontariamente inalato dalle persone, anche se non fumatori.

Il fumo di tabacco è una miscela estremamente complessa e variabile, sono presenti oltre 4.000 sostanze chimiche sotto forma di particelle e di gas che si liberano con la combustione. Molti di questi composti sono irritanti, tossici, cancerogeni, mutageni e teratogeni. Almeno un terzo della popolazione è esposto a questo inquinante in casa.

Fumo di tabacco ambientale, gli effetti sulla salute

La pubblicazione evidenzia gli effetti dannosi sulla salute, sia a breve che a lungo termine, che l’esposizione al fumo di tabacco provoca; effetti che vanno dall’aumento delle allergie e delle irritazioni, fino allo sviluppo di malattie respiratorie croniche, cardiovascolari e coronariche.

L’esposizione al fumo passivo è fortemente sconsigliata soprattutto a donne incinte e ai bambini in quanto è associata a:

  • aborto, nascita prematura, basso peso alla nascita
  • malformazioni congenite e anche ad effetti nella vita adulta, come aumento del rischio di malattie respiratorie croniche, infarto del miocardio e cancro del polmone
  • malattie all’orecchio

Fumo di tabacco ambientale, misure per ridurre l’esposizione

Premesso che è sempre consigliato l’abbandono del vizio del fumo, l’esposizione al fumo di tabacco ambientale può essere sostanzialmente abbattuta vietando il fumo nelle aree che possono dar luogo a contaminazione indoor, magari obbligando i fumatori a permanere in ambienti con una ventilazione separata.

Nel documento vengono, inoltre, indicate le misure da tenere per ridurre l’esposizione:

  • non fumare negli ambienti chiusi
  • in macchina
  • in presenza di bambini, malati cronici e donne in stato di gravidanza

Chiude la pubblicazione il riferimento alla normativa vigente sul divieto di fumo.

 

Clicca qui per scaricare la guida Fumo di tabacco ambientale

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *