Fonti rinnovabili in Italia ed Europa: il rapporto annuale del GSE

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

IL GSE pubblica il rapporto annuale sulla diffusione delle rinnovabili in Italia ed Europa: il nostro Paese ha già superato gli obiettivi europei fissati per il 2020

Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato il rapporto sulle Fonti rinnovabili in Italia e in Europa, nel quale viene fatto il punto sulla diffusione delle fonti rinnovabili di energia (FER) a livello nazionale e viene fatto il confronto con i risultati degli altri Paesi UE.

Il documento, sviluppato a partire dai più recenti dati pubblicati da Eurostat, presenta analisi di settore, confronti territoriali e approfondimenti sulle diverse fonti energetiche.

Il rapporto GSE sulle FER

Nel 2018 le FER in Italia hanno trovato ampia diffusione in tutti i settori di impiego:

  • termico (10,7 Mtep, pari al 19% del totale settoriale);
  • elettrico (9,7 Mtep, 34% del totale settoriale);
  • trasporti (1,25 Mtep di biocarburanti).

In particolare, nel settore elettrico le fonti che nel 2018 hanno fornito il contributo principale alla produzione di energia da FER sono:

  • l’energia idraulica (42% della produzione complessiva, considerando il dato normalizzato);
  • l’energia fotovoltaica (20%);
  • le bioenergie (17%);
  • l’energia eolica (16%, considerando il dato normalizzato);
  • la geotermia (5%).

Nel settore termico, invece, le fonti principali sono la biomassa solida (circa 7 Mtep, senza considerare la frazione biodegradabile dei rifiuti), utilizzata soprattutto nel settore domestico in forma di legna da ardere o pellet, e le pompe di calore (2,6 Mtep).

Nel settore trasporti il contributo principale è fornito dai biocarburanti.

Grafico sulla diffusione delle fonti FER in Italia ed Europa

Diffusione delle fonti FER, divise per settore, in Italia ed Europa

Le FER in Europa

Nel contesto europeo, in termini di sviluppo delle rinnovabili il nostro Paese ricopre un ruolo di primo piano: ad esempio, con circa 9,7 Mtep occupa nel 2018 il secondo posto in Europa per energia elettrica prodotta da FER, mentre con 21,6 Mtep occupa il terzo posto per consumi complessivi di energia rinnovabile.

Considerando la quota dei consumi totali coperta da FER, l’Italia è uno dei 12 Stati Membri dell’UE ad aver già raggiunto il proprio obiettivo al 2020 (17%); il dato italiano per il 2018 (17,8%) è peraltro più alto di quello degli altri principali Paesi europei (Germania, Francia, Spagna, UK).

grafico relativo alle fonti FER in UE

Fonti FER in UE

 

solarius-pv

Clicca qui per scaricare il rapporto GSE sulle fonti rinnovabili in Italia ed Europa

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *