Fondi per i Comuni previsti dalla legge di Bilancio 2020

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Finanziati tutti i Comuni italiani per lavori di efficientamento energetico, messa in sicurezza di edifici pubblici ed abbattimento delle barriere architettoniche

Con un comunicato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 13 del 17 gennaio 2020 e con un decreto ministeriale del 14 gennaio, sono stati stanziati i fondi del Ministero dell’Interno, pari a 500 milioni di euro, previsti dalla legge di Bilancio 2020 per tutti i Comuni italiani.

Contestualmente ricordiamo che è stato assegnato il fondo di 22,5 milioni di euro destinato per il 2020 a tutti i 1.940 Comuni con popolazione inferiore ai 1.000 abitanti.

I fondi per i Comuni previsti dalla legge di Bilancio 2020

L’art. 1, comma 29, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziano 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022“, prevede per ciascuno degli anni dal 2020 al 2024, l’assegnazione ai Comuni, nel limite complessivo di 500 milioni di euro annui, di contributi per investimenti destinati ad opere pubbliche.

Gli interventi finanziabili nello specifico riguarderanno:

  1. efficientamento energetico, ivi compresi interventi volti all’efficientamento dell’illuminazione pubblica, al risparmio energetico degli edifici di proprietà pubblica e di edilizia residenziale pubblica, nonché all’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
  2. sviluppo territoriale sostenibile, ivi compresi interventi in materia di mobilità sostenibile, nonché interventi per l’adeguamento e la messa in sicurezza di scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale e per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Il contributo è attribuito sulla base di 7 fasce, distinte in base alla popolazione residente al 1° gennaio 2018:

  1. 50.000 euro per i comuni con popolazione inferiore o uguale a 5.000 abitanti;
  2. 70.000 euro per i comuni con popolazione compresa tra 5.001 e 10.000 abitanti;
  3. 90.000 euro per i comuni con popolazione compresa tra 10.001 e 20.000 abitanti;
  4. 130.000 euro per i comuni con popolazione compresa tra 20.001 e 50.000 abitanti;
  5. 170.000 euro per i comuni con popolazione compresa tra 50.001 e 100.000 abitanti;
  6. 210.000 euro per i comuni con popolazione compresa tra 100.001 e 250.000 abitanti;
  7. 250.000 euro per i comuni con popolazione superiore a 250.000 abitanti.

Termini del finanziamento

Il Comune beneficiario del contributo può finanziare uno o più lavori pubblici, a condizione che gli stessi non siano già integralmente finanziati da altri soggetti e che siano aggiuntivi rispetto a quelli da avviare nella prima annualità dei programmi triennali di cui all’articolo 21 del dlgs n. 50/2016.

Il Comune beneficiario del contributo è tenuto ad iniziare l’esecuzione dei lavori entro il 15 settembre 2020.

I contributi assegnati sono erogati ai Comuni beneficiari, secondo le modalità e i termini previsti dal comma 33 dell’art. 1 della legge n. 160 del 2019, nella misura del:

  • 50% previa verifica dell’avvenuto inizio dell’esecuzione dei lavori, effettuata attraverso il sistema di monitoraggio delle opere pubbliche previsto dal dlgs 29 dicembre 2011, n. 229;
  • 50% previa trasmissione, al Ministero dell’interno, del certificato di collaudo o del certificato di regolare esecuzione rilasciato dal direttore dei lavori, ai sensi dell’articolo 102 del dlgs 18 aprile 2016, n. 50.

La certificazione dovrà essere inviata esclusivamente con modalità telematica, tramite il Sistema Certificazioni Enti Locali.

 

primus

Clicca qui per scaricare il decreto ministeriale e le tabelle di riparto su base comunale

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *