Al via i contributi per la manutenzione di strade e scuole: 250 milioni alle Province

In Gazzetta la tabella di ripartizione dei contributi per la manutenzione di strade e scuole. Prevista l’assunzione di personale ad alto contenuto tecnico

Via libera alla ripartizione dei 250 milioni assegnati dalla legge di Bilancio 2019 alle Province per la manutenzione di strade e scuole e la loro messa in sicurezza: è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 58 del 9 marzo 2019) il decreto 4 marzo 2019 del Ministero dell’Interno di concerto con i Ministeri dell’Economia e delle Infrastrutture.

Il riferimento nella legge di Bilancio 2019

Ai sensi dell’art. 1, comma 889, della legge di Bilancio 2019 (legge n. 145/2018) si ha:

Alle province delle regioni a statuto ordinario è attribuito un contributo di 250 milioni di euro annui per gli anni dal 2019 al 2033 da destinare al finanziamento di piani di sicurezza a valenza pluriennale per la manutenzione di strade e di scuole. Il contributo di cui al primo periodo è ripartito, con decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, previa intesa in sede di Conferenza Stato-città ed autonomie locali, da emanare entro il 20 gennaio 2019…

Inoltre, sempre in base al comma 889 della legge di Bilancio 2019, per garantire la corretta elaborazione dei piani di sicurezza, saranno fatte nuove assunzioni:

relativamente alle figure ad alto contenuto tecnico-professionale di ingegneri, architetti, geometri, tecnici della sicurezza ed esperti in contrattualistica pubblica e in appalti pubblici.

Decreto 4 marzo 2019

Il provvedimento in esame, costituito da un unico articolo, contiene la tabella di ripartizionane, a favore delle Province, del contributo di 250 milioni di euro destinato al finanziamento di piani di sicurezza a valenza pluriennale per la manutenzione di strade e di scuole, per ciascuno degli anni dal 2019 al 2033.

 

Clicca qui per scaricare il decreto con la tabella di riparto

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *