Messa in sicurezza edifici scolastici: in arrivo i finanziamenti del MIUR

Il Ministero dell’Istruzione ha costituito un fondo di 50 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici scolastici. Le domande entro il 19 aprile

Pubblicato dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) un avviso pubblico per la messa in sicurezza degli edifici scolastici che istituisce un fondo di 50 milioni di euro.

In questo modo viene data attuazione a quanto previsto dall’art. 42 del dl n. 109/2018, convertito con modificazioni dalla legge n. 130/2018, che prevedeva il finanziamento della progettazione di interventi di messa in sicurezza da parte degli enti locali competenti degli edifici scolastici.

La scadenza del bando è il 18 aprile 2019 e il portale per l’inserimento dei dati sarà accessibile dal giorno 25 marzo 2019 fino alle ore 15:00 dello stesso giorno.

Avviso pubblico del MIUR

L’avviso pubblico contiene le modalità ed i termini da rispettare per ottenere l’inserimento nella graduatoria.

Sono ammesse le richieste di contributo per affidamenti di incarichi di progettazione per interventi di messa in sicurezza di edifici adibiti ad uso scolastico, censiti nell’Anagrafe nazionale dell’edilizia scolastica.

L’importo richiesto per l’affidamento dell’incarico di progettazione con riferimento ad ogni singolo edificio non potrà essere superiore all’8% dell’importo presunto dei lavori, comprensivo di Ia ed oneri previdenziali. La candidatura può essere comprensiva di tutti i livelli di progettazione, fino all’esecutivo.

Sono ammesse:

  • n. 4 candidature massime per ciascun Comune e/o unioni di Comuni
  • n. 5 candidature per i Comuni capoluogo di Provincia
  • n. 8 candidature per ciascuna Provincia e/o Città metropolitana

Gli enti locali interessati devono far pervenire la propria candidatura, utilizzando esclusivamente la piattaforma informativa, pena la non ammissione, collegandosi alla pagina web del sito del Ministero, entro e non oltre le ore 15:00 del giorno 18 aprile 2019.

La valutazione delle candidature ai fini dell’assegnazione dei contributi prevede un maggior punteggio per i seguenti criteri:

  • edifici realizzati prima e fino al 1970, +10 punti
  • quota di cofinanziamento dal 51% in poi, +10 punti
  • zona sismica 1, +10 punti
  • edificio incluso in programmazione triennale 2018-2020, +15 punti
  • edificio per cui si rende necessaria nuova costruzione in luogo dell’adeguamento sismico, +10 punti
  • edificio privo di certificato di agibilità, +15 punti
  • edificio con ordinanza o provvedimento di chiusura di data antecedente al presente avviso, +15 punti
  • numero di studenti presenti nell’edificio scolastico oltre 1.000 alunni, +15 punti

La graduatoria viene redatta, sulla base dei punteggi indicati e assegnati a ciascun edificio scolastico, oggetto di candidatura e indica altresì l’importo assegnato.

Saranno ammessi a finanziamento tutti gli enti collocati in graduatoria nei limiti delle risorse disponibili.

Gli enti potranno chiedere una volta ricevute le linee guida, entro il termine che nelle stesse sarà indicato, il 20% del contributo finanziario richiesto in anticipazione, un ulteriore 30% allatto dell’aggiudicazione e, poi, il saldo alla presentazione del verbale di validazione del progetto esecutivo e della determinazione di approvazione della regolarità di esecuzione del servizio, previa rendicontazione delle risorse già erogate.

 

Clicca qui per scaricare l’avviso pubblico del MIUR

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *