Fatture Energy GSE e conservazione sostitutiva, ecco come fare

Fatture Energy GSE e conservazione sostitutiva: come funziona, chi sono i soggetti obbligati e quali sono gli adempimenti

Dal 31 marzo 2015 gli enti pubblici non possono più accettare fatture emesse o trasmesse in forma cartacea. Anche per il GSE (Gestore dei servizi energetici) è scattato l’obbligo di utilizzo e ricezione delle fatture in forma elettronica.

Applicazione dell’obbligo di fatturazione da parte del GSE

Dal 31 marzo 2015 l’obbligo di fatturazione elettronica è applicato dal GSE a tutti i soggetti che, ad oggi, trasmettono le proprie fatture alla Società in formato cartaceo:

  • fornitori di beni e servizi (Fatture “Non energy”)
  • produttori di energia beneficiari del meccanismo CIP6/92 (Fatture “Energy manuali”)
  • soggetti a cui vengono applicati i corrispettivi di cui alla Delibera dell’AEEG ARG/elt 187/09 (Fatture “Energy manuali”)

Dal 20 luglio 2015 le funzionalità di fatturazione elettronica sono state attivate anche per il regime commerciale delle FER Elettriche.

Per i meccanismi di incentivazione “Certificati Verdi e Tariffa Onnicomprensiva”, “Ritiro Dedicato”, “Tariffa Fissa Onnicomprensiva”, “Scambio sul posto”, “Certificati Bianchi” e “FER Elettriche”, il GSE ha iniziato gradualmente ad emettere dai propri portali le “Fatture Energy”, ossia le fatture in formato elettronico per i fornitori di beni e servizi operanti con il Gestore.

Fatture Energy GSE, modalità operative

L’emissione della fatturazione elettronica da parte del GSE è gestita secondo procedure specifiche.

In sintesi, è il GSE ad emettere la fattura per conto degli operatori in formato XML a firmarla digitalmente e a trasmetterla al Sistema di Interscambio (SDI).

In particolare, il processo è articolato nelle seguenti fasi:

  1. il Soggetto Responsabile deve accedere alla sezione relativa alla fatturazione presente nei singoli Portali e completare la proposta di fattura pubblicata dal GSE, limitandosi ad inserire il “numero” e la “data” da attribuire al documento
  2. a seguito del completamento della proposta di fattura, il Soggetto Responsabile dovrà:
    • confermare la correttezza del numero e della data inseriti in fattura che non potranno più essere modificati
    • autorizzare il GSE ad emettere, per suo conto, la fattura, secondo il tracciato e le modalità previste dalla normativa di riferimento sulla fatturazione elettronica della Pubblica Amministrazione
    • confermare che il pagamento da parte del GSE avverrà esclusivamente a fronte della fattura interamente compilata
  3. dopo aver confermato la proposta di fattura, il GSE produrrà la stessa in formato XML (Fattura PA), provvedendo a firmarla digitalmente e a trasmetterla, per conto del Soggetto Responsabile, al Sistema di Interscambio
  4. il Soggetto Responsabile riceverà una e-mail di notifica, relativa all’esito dell’invio della fattura al Sistema di Interscambio, all’indirizzo di posta elettronica indicato nel Portale di riferimento
  5. in caso di notifica di accettazione, il Soggetto Responsabile, collegandosi alla sezione di fatturazione del Portale di riferimento, potrà accedere al “fascicolo elettronico” e scaricare i documenti messi a disposizione dal GSE:
    • il file XML della notifica di accettazione del Sistema di Interscambio
    • il file XML in versione p7m della fattura elettronica

Conservazione sostitutiva Fatture Energy GSE

Si ricorda che il Soggetto Responsabile è tenuto a conservare la documentazione messa a disposizione dal GSE all’interno del “fascicolo elettronico”. In pratica, la conservazione sostitutiva è a carico del Soggetto Responsabile.

Al riguardo esistono vari modi per effettuare la conservazione sostitutiva; con FacTus-PA  è possibile archiviare sul proprio PC anche le Fatture Energy GSE.

 

Clicca qui per scaricare le istruzioni operative del GSE

Clicca qui per scaricare FacTus-PA

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *