Ecobunus-errata-comunicazione

Comunicazione Enea ecobonus, entro il 31 ottobre le eventuali correzioni

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Comunicazione Enea ecobonus: le modifiche consentite dipendono dall’anno in cui è stata trasmessa la richiesta di detrazione. Entro il 31 ottobre 2019 le correzioni per i lavori completati nel 2018

Tra i vari adempimenti che il contribuente è chiamato ad eseguire per godere della detrazione del 65% per interventi di riqualificazione energetica, è previsto l’invio di un’apposita comunicazione all’Enea, entro la scadenza di 90 giorni dalla fine dei lavori, dei seguenti dati:

  • copia dell’attestato di certificazione o di qualificazione energetica (allegato A del decreto);
  • scheda informativa relativa agli interventi realizzati (nella specie, l’allegato F del decreto, trattandosi di lavori di sostituzione di finestre, comprensive di infissi, in singole unità immobiliari).

Per i lavori completati nel 2018, gli errori nell’invio della documentazione obbligatoria per via telematica all’Enea possono essere corretti entro il prossimo 31 ottobre 2019, termine di presentazione della dichiarazione dei redditi, accedendo al sito d’invio 2018.

Questo quanto chiarito dall’Enea in merito ad una risposta fornita ad un contribuente attraverso le FAQ, le risposte alle domande più frequenti relative all’ecobonus:

8.A (ex 36) – Ho sbagliato ad inserire alcuni dati nella documentazione obbligatoria che vi ho inviato tramite il vostro sito. Ora mi sono accorto dell’errore e vorrei correggerlo. Come posso fare?

La risposta dell’Enea

Le modifiche eventualmente consentite dipendono dall’anno in cui è stata trasmessa ad Enea la richiesta di detrazione. Nello specifico:

  • per i lavori completati entro il 31 dicembre 2017 non è più possibile modificare la richiesta già inviata. Tuttavia, in base alla circolare n.20/E del 13 maggio 2011, è riconosciuto al contribuente il diritto a fruire della detrazione anche per quelle spese che erroneamente non siano state riportate nella stessa, purché l’importo delle spese sostenute sia stato indicato correttamente nelle relative dichiarazioni dei redditi e tali spese, in sede di controllo formale, risultino opportunamente documentate;
  • per i lavori completati dal 2009 in poi è possibile modificare la documentazione già inviata anche oltre il limite dei 90 giorni dalla fine dei lavori, in base alla circolare n. 21/E del 23 aprile 2010. Tuttavia, condizione necessaria, come riportato nella risoluzione n. 4/E del 27 maggio 2010, è che le modifiche avvengano entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi;
  • per i lavori completati nel 2018 è possibile rettificare i dati entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi, presumibilmente entro il 31 ottobre 2019, accedendo al sito d’invio 2018.

Ricordiamo, infine, che con la circolare n. 7/E del 27 aprile 2018, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito come comportarsi in caso di errori nelle informazioni trasmesse.

 

Clicca qui per scaricare le FAQ

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *