Euromobility: il rapporto sulla mobilità sostenibile nelle principali 50 città italiane

Euromobility: l’undicesimo rapporto nelle principali 50 città italiane. Parma al primo posto per mobilità sostenibile, seguono Milano e Torino

È stato pubblicato l’undicesimo Rapporto “Mobilità sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 città“, elaborato da Euromobility con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Il Rapporto fotografa la mobilità sostenibile delle principali 50 città italiane: tutti i capoluoghi di Regione, i due capoluoghi delle Province autonome e i capoluoghi di Provincia con una popolazione superiore ai 100.000 abitanti.

I principali numeri che si evincono dal documento sono i seguenti:

  • aumento (+0,5%) del tasso di motorizzazione nelle principali 50 città italiane
  • miglioramento netto della qualità dell’aria: ben 23 città rispettano tutti i limiti di normativa
  • bene il car sharing a flusso libero, meno quello convenzionale e alcuni servizi di bike sharing

Parma conquista la prima posizione e quindi il titolo di città più “eco-mobile” d’Italia.

Risulta la migliore per mobilità sostenibile per le seguenti ragioni:

  • pianificazione lo strumento di governo della mobilità – è una delle prime città italiane ad aver approvato il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile
  • buona dotazione di aree pedonali e ZTL, per i servizi di trasporto pubblico offerti ai cittadini e per un parco circolante ricco di veicoli a basso impatto
  • consolidata presenza di un mobility manager di città e di servizi di sharing mobility

Al secondo posto c’è Milano e al terzo Torino; in fondo alla classifica della mobilità sostenibile L’Aquila, Siracusa e Catanzaro.

 

Clicca qui per scaricare il rapporto Euromobility

Clicca qui per conoscere Solarius-PV, il software per la progettazione impianti fotovoltaici

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *