Esclusione dal bando di gara

Esclusione dal bando di gara per impossibilità a leggere un file

Non è motivo di esclusione dal bando di gara la mancata lettura dell’offerta in formato digitale da parte dell’ente

La ditta non può essere esclusa dalla procedura di gara se la Pubblica Amministrazione non è in grado di leggere l’offerta redatta ed inviata come previsto dal bando, su piattaforma del mercato elettronico della PA (Mepa).

Questo quanto chiarito nella sentenza Tar di Bari 1646/2015  circa il provvedimento di esclusione di una ditta da un bando di gara, tramite piattaforma Mepa (ai sensi dell’art. 3 comma 37 del D.Lgs n. 163/2006).

Nel caso in esame, la società ricorrente partecipa alla procedura di gara indetta dal Comune per la fornitura e il montaggio di arredi, inviando l’offerta telematica.

Il Comune, non riuscendo ad aprire i file inviati con firma digitale, li ha ritenuti danneggiati, benché tempestivamente inviati secondo le modalità telematiche previste.

I giudici del Tar di Bari accolgono il ricorso presentato dalla ditta e dichiarano illegittima l’esclusione della ditta ricorrente dal bando.

Viene chiarito che è responsabilità dell’ente se questi non ha le competenze informatiche per leggere i documenti non cartacei.

 

Clicca qui per scaricare la sentenza Tar di Bari 1646/2015

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *