Equo compenso Toscana: pubblicata la legge regionale 35/2020

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Anche la Regione Toscana si dota di una norma sull’equo compenso: ecco tutti i dettagli in merito alla nuova legge regionale 35/2020

E’ stata pubblicata, sul Burt (Bollettino ufficiale della Regione Toscana) n. 51 del 10 giugno, la legge regionale n. 35/2020 contenente le “Disposizioni per la tutela delle prestazioni professionali rese a favore dell’amministrazione regionale e locale e della committenza privata nell’ambito di procedimenti amministrativi. Modifiche alla l.r. 73/2008”.

La legge della Toscana

La legge sull’equo compenso Toscana reca disposizioni finalizzate alla tutela delle prestazioni professionali attraverso la regolamentazione delle procedure di acquisizione di servizi professionali di competenza:

  • della Regione Toscana;
  • degli enti dipendenti della Regione;
  • delle aziende e degli enti del servizio sanitario regionale;
  • degli enti locali.

Reca inoltre le disposizioni relative alle istanze presentate ai predetti enti da parte di privati cittadini o di imprese.

In particolare viene stabilito che i compensi devono essere determinati in proporzione alla quantità, alla qualità, al contenuto e alle caratteristiche della prestazione richiesta (non possono essere previsti corrispettivi costituiti da forme di sponsorizzazione o di mero rimborso delle spese sostenute).

Viene inoltre vietato, con la legge sull’equo compenso in Toscana, che nelle procedure di individuazione del contraente venga assegnato un punteggio aggiuntivo per servizi offerti a titolo gratuito.

Presentazione delle istanze alla PA regionale e locale

L’art. 3 della legge stabilisce che la presentazione dell’istanza autorizzativa o dell’istanza di intervento diretto prevista dalle norme e dai regolamenti regionali, provinciali e comunali, deve essere corredata da dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, con la quale, a pena di improcedibilità, l’istante attesta di aver regolarmente sottoscritto lettere di affidamento di incarico a tutti i professionisti coinvolti.

Nell’affidamento dell’incarico deve essere sia definito l’ammontare dei compensi, sia i termini per il pagamento.

Leggi regionali sull’equo compenso

Ricordiamo che, in materia, già altre Regioni avevano preso provvedimenti analoghi:

  • Abruzzo – L.R. n.15/2019 “Disposizioni in materia di tutela delle prestazioni professionali e di equo compenso”;
  • Basilicata – L.R. con oggetto: “Norme in materia di tutela delle prestazioni professionali e di contrasto all’evasione fiscale”;
  • Calabria – L.R. n. 25/2018 con oggetto la “tutela delle prestazioni professionali”;
  • Campania – L.R. n. 59/2018  –  “Norme in materia di tutela delle prestazioni professionali per attività espletate per conto dei committenti privati e di contrasto all’evasione fiscale“;
  • Lazio – Delibere della giunta regionale n. 12 e n. 19/2019;
  • Marche – Legge regionale n.38/2019 contenente le disposizioni in materia di equo compenso dei professionisti;
  • Piemonte – L.R. n. 19/2018;
  • Puglia – Legge regionale n. 32/2019 avente come oggetto: “Norme in materia di equo compenso nell’esercizio delle professioni regolamentate”;
  • Sicilia –  L. R. Sicilia  n.1/2019 “Spettanze dovute ai professionisti per il rilascio di titoli abilitativi o autorizzativi”;
  • Veneto – L.R. n. 37/2019 “Disposizioni in materia di tutela delle prestazioni professionali e di contrasto all’evasione fiscale”.

 

Clicca qui per scaricare la legge regionale sull’equo compenso Toscana

 

compensus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *