Emanati i decreti attuativi del Codice dell’Ambiente

Il Codice dell’Ambiente (Decreto Legislativo 152/2006) è entrato in vigore il 29 aprile scorso.

Il Codice dell’Ambiente (Decreto Legislativo 152/2006) è entrato in vigore il 29 aprile scorso.
Il precedente Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio in carica, Altero Matteoli, ha firmato numerosi (18) decreti attuativi del provvedimento.
La quasi totalità di tali provvedimenti (16 su 18) è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale, mentre sono stati firmati ma non ancora pubblicati i seguenti provvedimenti:

  • Schema-tipo dei consorzi di cui articolo 223 comma 2, redatto dal Ministro per l’Ambiente e la Tutela del territorio, di concerto con il Ministro delle Attività produttive;
  • Determinazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti da utilizzare nei casi di fuoriuscita di soluzione acida contenuta negli accumulatori al Pb presso gli impianti destinati alla loro gestione.

Due dei provvedimenti pubblicati sono di grande interesse per gli operatori dell’edilizia; si tratta dei Decreti:

  • Semplificazione delle procedure amministrative relative alle rocce e terre da scavo provenienti da cantieri di piccole dimensioni la cui produzione non superi i seimila metri cubi di materiale;
  • Criteri, procedure e modalità per il campionamento e l’analisi delle terre e rocce da scavo.

Tali decreti disciplinano il riutilizzo delle rocce e terre da scavo derivanti da opere edili.
Il primo individua (ai sensi dell’art. 266, comma 7) le procedure per la gestione delle terre e rocce derivanti da cantieri il cui movimento rientra entro i 6.000 mc; il secondo (ai sensi dell’art. 186, comma 3)individua i limiti massimi di concentrazione di inquinanti, nonchè le modalità di campionamento e analisi dei materiali ai fini della loro caratterizzazione.
Particolarmente importante, inoltre, la “Deliberazione del 26 aprile 2006 – Iscrizione all’ Albo nazionale gestori ambientali ai sensi dell’articolo 212, comma 8, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152.”
Il Codice dell’Ambiente, infatti, prevede l’iscrizione obbligatoria all’albo dei gestori ambientali (che sostituisce l’albo dei gestori rifiuti), con modalità semplificate ed in un’apposita sezione, anche per chi trasporta propri rifiuti non pericolosi entro i 30kg/giorno (oppure 30 l/giorno).
Restiamo in attesa di ulteriori sviluppi poiché il nuovo esecutivo , ed il neo-ministro dell’ambiente in testa, ha più volte manifestato l’intenzione di modificare e/o sospendere il Codice approvato dal precedente governo.

DocumentoDimensioneFormato
“Codice dell’Ambiente”1,74 MbPDF
Allegati – “Codice dell’Ambiente”1,93 MbPDF
Disciplina per l’esecuzione del monitoraggio della spesa ed altre iniziative informative e conoscitive in campo ambientale, ai sensi dell’art 55, comma 5.132 KbPDF
Definizione dei limiti esterni dell’estuario, area di transizione tra acque dolci e le acque costiere alla foce di un fiume, ai sensi dell’art. 74, comma 1, lettera e)74 KbPDF
Norme tecniche per il riutilizzo delle acque reflue in attuazione dell’art. 99, comma 1.165 KbPDF
Aggiudicazione S.I.I. ai sensi dell’Art 15093 KbPDF
Autorità di vigilanza sulle risorse idriche e sui rifiuti ai sensi dell’Art 159.93 KbPDF
Criteri, procedure e modalità per il campionamento e l’analisi delle terre e rocce da scavo, ai sensi dell’art 186, comma 3.99 KbPDF
Modelli dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi dell’art. 190.153 KbPDF
Modalità per l’aggiudicazione, da parte dell’Autorità d’Ambito, del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani, ai sensi dell’art. 202, comma 1.123 KbPDF
Norme sulla gestione dei registri delle imprese autorizzate alla gestione di rifiuti ai sensi dell’art 212, comma 23.99 KbPDF
Decreto di cui all’art 184 comma 4, Istituzione dell’elenco dei rifiuti conformemente all’art 1, comma 1 lett. A della direttiva 75/442/CE ed all’art 1 par. 4 della direttiva 91/689/CE842 KbPDF
Decreto di cui all’art 189. Riorganizzazione del Catasto dei rifiuti121 KbPDF
Decreto di cui all’art 226, comma 3. Aggiornamento degli Standards Europei fissati dal Comitato Europeo di Normazione (CEN) in conformità ai requisiti essenziali stabiliti all’art. 9 della direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e rifiuti di imballaggio141 KbPDF
Decreto di cui all’art 234, comma 2. Individuazione delle tipologie di beni in polietilene rientranti nel campo di applicazione dell’art. 234 del DLGS 152/200690 KbPDF
Decreto di cui all’art 231 comma 13. Norme tecniche per i veicoli fuori uso non disciplinati dal DLGS 24 giugno 2003 n. 209158 KbPDF
Decreto di cui all’art 212 comma 16. Gestione delle entrate derivanti dall’Albo dei gestori di rifiuti121 KbPDF
Decreto di cui all’art 266 comma 7. Semplificazione delle procedure amministrative relative alle rocce e terre da scavo provenienti da cantieri di piccole dimensioni la cui produzione non superi i seimila metri cubi di materiale106 KbPDF
Schema-tipo degli Statuti dei consorzi di cui all’articolo 223 comma 2244 KbPDF
Determinazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti da utilizzare nei casi di fuoriuscita di soluzione acida contenuta negli accumulatori al Pb presso gli impianti destinati alla loro gestione150 KbPDF
 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *