Elementi strutturali in alluminio, recepita in italiano la UNI EN 1090-5:2017

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Disponibile in lingua italiana la UNI EN 1090-5:2017 su requisiti tecnici per elementi strutturali di alluminio formati a freddo

Pubblicata anche in lingua italiana la UNI EN 1090-5:2017 da titolo: “Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio – Parte 5: Requisiti tecnici per elementi strutturali di alluminio formati a freddo e strutture di alluminio formate a freddo per applicazioni su tetti, soffitti, pavimenti e pareti”.

Il documento fa parte di una serie denominata EN 1090, comprensiva delle seguenti parti:

  • parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei componenti strutturali;
  • parte 2: Requisiti tecnici per strutture di acciaio;
  • parte 3: Requisiti tecnici per le strutture di alluminio;
  • parte 4: Requisiti tecnici per elementi strutturali di acciaio formati a freddo e strutture formate a freddo per applicazioni su tetti, soffitti, pavimenti e pareti.

Contenuti della UNI EN 1090-5:2017

La nuova norma europea UNI specifica i requisiti per l’esecuzione, la fabbricazione e l’installazione di componenti strutturali di alluminio formati a freddo, realizzati con lamiera profilata per applicazioni su:

  • tetti;
  • soffitti;
  • pavimenti;
  • pareti;

tali elementi si considerano in condizioni di carico prevalentemente statico o di carico sismico.

La norma non tratta i prodotti delle classi strutturali I e II secondo la EN 1999-1-4 utilizzati nelle strutture.

Il documento fa riferimento alla lamiera profilata ad uso strutturale con profili:

  • trapezoidali;
  • sinusoidali;
  • profili a cassetta;
  • profilature con sistema a cassette.

La parte 5 tratta anche la lamiera perforata e micro profilata.

Le sezioni saldate sono escluse dalla presente parte, esse sono trattate dalla EN 1090-3 ad eccezione della saldatura di tenuta nella aree a bassa sollecitazione.

La UNI EN 1090-5 tratta, inoltre:

  • le costruzioni di distanziatori tra la pelle esterna e interna o superiore e inferiore;
  • gli elementi di appoggio di tetti, pareti e soffitti realizzati con lamiera profilata formata a freddo ed i relativi collegamenti e attacchi purché tutti partecipino al trasferimento del carico.

Come esempio di strutture trattate nella UNI possiamo elencarne alcune:

  • tetti a uno o più strati, in cui la struttura portante (pelle inferiore) così come la copertura effettiva del tetto (pelle superiore) o entrambe sono composte da elementi strutturali;
  • pareti a uno o più strati, in cui la struttura portante (pelle interna) così come il pannello di tamponamento effettivo (pelle esterna) o entrambi sono costituiti da elementi strutturali;
  • soffitti sospesi per arredamento interno.

 

La norma UNI EN 1090-5:2017  è scaricabile a pagamento dal sito UNI (Ente Italiano di Normazione).

 

edilus
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *