Efficienza energetica, pubblicato il bando 2015 - BibLus-net

Efficienza energetica: pubblicato il bando 2015

Efficienza energetica, in Gazzetta il decreto che stanzia 120 milioni di euro per la riduzione dei consumi energetici al Sud- POI FESR 2007/2013

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto MISE 24 aprile 2015 recante “Intervento per la promozione e il sostegno di ulteriori investimenti funzionali alla riduzione dei consumi energetici all’interno delle attività produttive localizzate nelle regioni dell’Obiettivo Convergenza, in attuazione del Programma operativo interregionale «Energie rinnovabili e risparmio energetico» FESR 2007-2013” che mette a disposizione 120 milioni di euro per investimenti nel settore dell’efficienza energetica.

Il decreto definisce le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore di imprese localizzate nei territori eleggibili alle azioni del POI Energia che investano nella riduzione e razionalizzazione dell’uso dell’energia utilizzata nei cicli di lavorazione e/o di erogazione dei servizi svolti all’interno di un’unità produttiva.

Bando efficienza energetica, il decreto MISE e le condizioni di ammissibilità

I programmi d’investimento ammissibili sono quelli relativi a:

  • realizzazione di impianti finalizzati alla produzione e distribuzione di energia elettrica e di calore con incremento dell’efficienza energetica
  • risparmio energetico all’interno dell’unità produttiva oggetto di investimento

Gli impianti debbono essere alimentati esclusivamente da fonti rinnovabili oppure devono essere a cogenerazione/trigenerazione ad alto rendimento, con potenza non superiore a 500 KW elettrici.

In allegato al provvedimento vengono elencate le condizioni di ammissibilità alle agevolazioni per i programmi riferiti alle attività di produzione e distribuzione di energia elettrica e di calore per autoconsumo.

Bando efficienza energetica, i soggetti ammessi

Per usufruire dei finanziamenti, le imprese devono possedere i requisiti:

  • essere regolarmente costituite da almeno un anno e iscritte come attive nel Registro delle imprese
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali
  • trovarsi in regime di contabilità ordinaria
  • non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea
  • essere in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia e urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente e con gli obblighi contributivi
  • essere in regola con la restituzione di somme dovute in relazione a provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal Ministero
  • non trovarsi in condizioni di impresa in difficoltà […]

Bando efficienza energetica, tipologie di intervento ammesse

I programmi d’investimento devono prevedere la realizzazione di una o più delle seguenti tipologie di interventi:

  • isolamento termico degli edifici al cui interno sono svolte le attività economiche (es. rivestimenti, pavimentazioni, infissi, isolanti, materiali per l’eco-edilizia, coibentazioni compatibili con i processi produttivi)
  • razionalizzazione, efficientamento e/o sostituzione dei sistemi di riscaldamento, condizionamento, alimentazione elettrica, forza motrice ed illuminazione, anche se impiegati nei cicli di lavorazione funzionali alla riduzione dei consumi energetici (es. building automation, motori a basso consumo, rifasamento elettrico dei motori, installazione di inverter, sistemi per la gestione ed il monitoraggio dei consumi energetici)
  • installazione di impianti ed attrezzature funzionali al contenimento dei consumi energetici nei cicli di lavorazione e/o di erogazione dei servizi
  • installazione, per sola finalità di autoconsumo, di impianti per la produzione e la distribuzione dell’energia termica ed elettrica all’interno dell’unità produttiva oggetto del programma d’investimento, ovvero per il recupero del calore di processo da forni e/o impianti che producono calore, o che prevedano il riutilizzo di altre forme di energia recuperabile in processi ed impianti che utilizzano fonti fossili nei limiti stabiliti nell’allegato al decreto

Bando efficienza energetica, programmi ammissibili

I programmi d’investimento devono avere le seguenti caratteristiche:

  • riguardare un’unità produttiva localizzata nei territori eleggibili alle azioni del POI Energia
  • prevedere spese ammissibili non inferiori a 30.000 euro
  • essere avviati in data successiva al 17 maggio 2014 e non aver sostenuto spese superiori al 70% del costo totale dell’investimento proposto
  • prevedere la realizzazione del programma d’investimento e il pagamento dell’ultimo titolo di spesa ad esso correlato non oltre il 31 dicembre 2015, per i soli programmi di importo inferiore o uguale a euro 400.000 euro
  • altro […]

Per conoscere tutti i requisiti, si rimanda al testo del decreto allegato a questo articolo.

Nel decreto vengono descritte anche le modalità di monitoraggio, ispezioni, controlli;  le indicazioni in caso di variazioni, revoca delle agevolazioni.

 

Clicca qui per scaricare il decreto 24 aprile 2015, Bando efficienza energetica POI FESR 2007/2013

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *