Efficienza e Risparmio energetico in ufficio: la guida del Ministero dell’Ambiente

L’impatto ambientale derivante dalle attività quotidianamente svolte negli uffici non è trascurabile: l’utilizzo di macchinari e supporti alimentati da energia elettrica, il raffreddamento/riscaldamento degli ambienti, la quantità di carta e inchiostro utilizzati comportano significative ricadute sull’ambiente.

L’impatto ambientale derivante dalle attività quotidianamente svolte negli uffici non è trascurabile: l’utilizzo di macchinari e supporti alimentati da energia elettrica, il raffreddamento/riscaldamento degli ambienti, la quantità di carta e inchiostro utilizzati comportano significative ricadute sull’ambiente.
Adottare comportamenti appropriati in tali ambiti consente un considerevole risparmio energetico senza particolari rinunce; è sufficiente infatti disporre di adeguate informazioni sulle possibili alternative e saper dosare sobrietà ed intelligenza nelle proprie scelte di consumo e di comportamento.
Per promuovere tali comportamenti è necessario fornire ai cittadini la conoscenza del problema, anche in termini di dimensioni ed implicazioni, e delle azioni che permettono ad ognuno di contribuire in maniera semplice ma efficace al risparmio energetico.

Muovendo da tali presupposti l’ARPAV (Agenzia regionale per la Protezione dell’Ambiente del Veneto) e il Ministero dell’Ambiente hanno curato la redazione della pubblicazione :”Il risparmio energetico in ufficio. Le azioni quotidiane che fanno bene all’ambiente “.

Il documento intende favorire un comportamento dei lavoratori efficiente sotto il profilo energetico, invitando le amministrazioni pubbliche a contribuire alla creazione di una rete virtuosa di informazioni e comportamenti quotidiani sostenibili che possa efficacemente ampliare l’effetto benefico dell’impegno di ognuno.

Clicca qui per scaricare: “Il risparmio energetico in ufficio. Le azioni quotidiane che fanno bene all’ambiente”

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *