Edilizia scolastica, il 65% delle scuole italiane è stato costruito prima dell’arrivo delle norme antisismiche. Ecco il rapporto

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Edilizia scolastica: il rapporto Legambiente sulla qualità delle strutture e dei servizi nelle scuole italiane mette in evidenza alcune criticità

Si è tenuta a Roma la XVII edizione di Ecosistema Scuola, l’indagine di Legambiente sulla qualità dei servizi scolastici e degli edifici.

Il Rapporto stilato da Legambiente fornisce una una fotografia aggiornata dello stato in cui verte l’edilizia scolastica italiana, con particolare attenzione verso i risultati delle misure finora attivate a livello nazionale.

In particolare è stata rivolta massima attenzione ai seguenti argomenti:

  • messa in sicurezza degli edifici
  • efficientamento energetico

Edilizia scolastica, messa in sicurezza degli edifici

Il tema della messa in sicurezza degli edifici ha sicuramente la massima priorità, soprattutto se si considera che:

  • il 65,1% degli edifici scolastici è stato costruito prima del 1974 (anno della prima normativa antisismica)
  • il 40% è in aree a rischio sismico

L’allerta sull’argomento resta alta in quanto dai dati pubblicati si evidenzia che:

  • il 31% degli edifici è sottoposto a verifiche di vulnerabilità sismica
  • meno del 13% edifici costruiti secondo criteri antisismici

Le regioni meridionali continuano ad avere un patrimonio edilizio scolastico in media in peggiori condizioni.

I capoluoghi di provincia del Sud dichiarano di avere 3 scuole su 4 in aree a rischio sismico ed una necessità di interventi di manutenzione urgenti del 58,4% (circa 20 punti percentuali in più della media nazionale).

Edilizia scolastica, efficientamento energetico

Secondo un’analisi dell’Enea la spesa per riscaldamento ed illuminazione è di oltre 1,3 miliardi di euro.

Il margine di miglioramento è elevatissimo, se pensiamo che il 90% delle scuole è stato realizzato prima del 1991 (anno della prima legge sull’ efficienza energetica).

Secondo Legambiente solo il 5% dei fabbricati scolastici sta nelle prime 3 classi energetiche.

Edilizia scolastica, tabella nazionale

Di seguito proponiamo una tabella con l’anagrafica e le informazioni generali sugli edifici scolastici in Italia.

Inoltre nel rapporto allegato viene estesa tale tabella a tutte le Regioni italiane.

 

Anagrafica e informazioni generali sugli edifici scolastici

Italia

Nord

Centro

Sud

Isole

Popolazione scolastica1.081.056521.172167.558249.433142.893
Edifici scolastici5.8613.0149861.197664
Edifici realizzati prima del 19008,6%12,7%4,1%4,2%2,7%
Edifici realizzati tra il 1900 e il 194015,2 %19,5 %9,9 %9,3 %12,6 %
Edifici realizzati tra il 1941 e il 197441,3 %39,3 %45,2 %39,0 %49,6 %
Edifici realizzati tra il 1975 e il 199025,3 %21,5 %31,8 %32,9 %20,8 %
Edifici realizzati tra il 1991 e il 20004,6 %2,7 %4,7 %9,1 %6,0 %
Edifici realizzati tra il 2001 e il 20155,0 %4,3 %4,2 %5,6 %8,3 %
Edifici costruiti secondo criteri di bioedilizia0,7 %0,9 %1,2 %0,0 %0,0 %
Edifici costruiti secondo criteri antisismici12,7 %6,7 %12,5 %23,9 %16,3 %
Edifici in cui è stata eseguita la verifica di vulnerabilità sismica31,0 %28,3 %43,8 %32,1 %0,0 %
Edifici che necessitano interventi di manutenzione urgenti39,4 %34,7 %34,2 %58,4 %36,2 %
Collaudo statico53,5 %54,1 %44,1 %65,0 %34,6 %
Idoneità statica51,0 %52,9 %41,6 %63,0 %33,5 %
Certificato di agibilità59,9 %68,0 %68,1 %53,8 %20,0 %
Certificazione igienico-sanitaria71,4 %68,5 %75,8 %79,0 %49,0 %
Certificato prevenzione incendi42,0 %40,5 %49,9 %50,1 %26,7 %
Scale di sicurezza54,6 %59,0 %64,6 %44,0 %33,6 %
Porte antipanico92,8 %97,5 %96,9 %93,1 %62,4 %
Prove di evacuazione96,5 %98,6 %100,0 %93,8 %85,6 %
Impianti elettrici a norma83,3 %81,4 %99,4 %86,0 %64,8 %
Requisiti accessibilità80,1 %82,6 %90,3 %75,4 %60,4 %
Interventi per eliminazione barriere architettoniche4,9 %3,0 %5,3 %8,9 %6,9 %

 

Clicca qui per scaricare il XVII rapporto di legambiente – ecosistema scuola

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *