Edifici a energia quasi zero, arriva il Piano d’azione nazionale

Edifici a energia quasi zero, in arrivo il Piano d’azione nazionale con gli obiettivi intermedi di miglioramento delle prestazioni energetiche e le misure finanziarie

Il Mise ha approvato lo schema di decreto recante l’approvazione del Piano d’azione nazionale per incrementare gli edifici a energia quasi zero (Nearly Zero Energy Buildings, NZEB).

Il Piano è stato elaborato da un gruppo di lavoro composto dall’Enea, l’RSE (Ricerca di sistema elettrico) e il CTI (Comitato termo-tecnico italiano), in attuazione dell’art. 4 dlgs 192/2005.

L’art. 5 del dl 63/2013 prevede, infatti, che dovranno essere edifici a energia quasi zero:

  • tutti gli edifici di nuova costruzione occupati da pubbliche amministrazioni e di proprietà di queste ultime, ivi compresi gli edifici scolastici, a partire dal 31 dicembre 2018
  • tutti gli edifici di nuova costruzione, a partire dal dal 1° gennaio 2021

Edifici a energia quasi zero, cos’è

Un edificio ad energia quasi zero (Nearly Zero Energy Building – NZEB) è un edificio con un consumo energetico molto basso, coperto in misura significativa da energia da fonti rinnovabili, prodotta in situ.

Esso deve rispondere a determinati requisiti tecnici indicati, in termini di:

  • isolamento termico dell’involucro edilizio
  • rispetto di regole stringenti sugli impianti termici

Entrando nel dettaglio, considerando quanto previsto dal dm 26 giugno 2015 (dm requisiti minimi), un edificio a energia quasi zero è un edificio, di nuova costruzione o esistente, per cui sono contemporaneamente rispettati:

  • tutti i requisiti previsti dalla lettera b), del comma 2, del paragrafo 3.3 del decreto requisiti minimi, determinati con i valori vigenti dal 1° gennaio 2019 per gli edifici pubblici e dal 1° gennaio 2021 per tutti gli altri edifici
  • gli obblighi di integrazione delle fonti rinnovabili nel rispetto dei principi minimi di cui all’Allegato 3, paragrafo 1, lettera c), del decreto rinnovabili (dlgs 28/2011)

Il Piano d’azione nazionale

Il Piano d’azione nazionale, destinato ad aumentare il numero di edifici a energia quasi zero, contiene gli obiettivi intermedi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici di nuova costruzione e le misure finanziarie per promuoverli.

Ecco nel dettaglio i principali contenuti:

  • la definizione di edifici a energia quasi zero
  • la valutazione degli indici di prestazione energetica per edifici con diversa tipologia edilizia, destinazione d’uso e zona climatica
  • i costi connessi alla realizzazione degli edifici a energia quasi zero
  • una panoramica sul parco immobiliare nazionale
  • la tendenza del mercato nazionale dei nuovi edifici e target NZEB
  • gli strumenti esistenti e le nuove proposte
  • gli strumenti regolatori
  • i programmi delle Regioni per promuovere gli edifici NZEB

In appendice:

  • le prestazioni degli edifici NZEB e degli edifici conformi al dm requisiti minimi
  • una nota metodologica sulla variazione dei costi

 

Si attende ora la pubblicazione in Gazzetta dello del decreto.

 

Clicca qui per scaricare la bozza non ancora in vigore del decreto 23 novembre 2016

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *