#EcoSismabonus: il mondo dell’edilizia unito per scongiurare la soppressione degli incentivi

#EcoSismabonus, ordini professionali e associazioni che rappresentano il mondo dell’edilizia lanciano una campagna a sostegno degli incentivi fiscali (a rischio rimodulazione)

La promozione degli incentivi fiscali per la riqualificazione energetica (ecobonus) e la messa in sicurezza sismica degli edifici (sismabonus) è al centro della campagna #EcoSismabonus promossa da:

  • Ance – Associazione Nazionale Costruttori Edili
  • Anaci  – Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari
  • CNI – Consiglio Nazionale Ingegneri
  • CNAPPC – Consiglio Nazionale Architetti
  • CNGeGL – Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati
  • CNG –  Consiglio Nazionale Geologi
  • OICE- Associazione delle Organizzazione di Ingegneria Architettura e Consulenza
  • Isi – Ingegneria Sismica Italiana
  • Federcostruzioni
  • Legambiente

La campagna di informazione della filiera delle costruzioni, presentata nel corso di una conferenza stampa presso la sede Ance di Roma il 18 settembre 2018, ha inaugurato anche la messa in rete del portale sul quale sono disponibili tutte le informazioni relative agli incentivi fiscali.

La campagna nasce a seguito del paventato riordino/soppressione degli incentivi fiscali da parte dal nuovo Governo giallo-verde.

Le associazioni dichiarano in un comunicato congiunto che:

Edifici insicuri, obsoleti, inquinati e inquinanti. Città soffocate dalle polveri sottili. Case danneggiate da terremoti e insalubri. E’ la fotografia attuale del patrimonio edilizio abitativo in Italia, costruito per il 70% prima  dell’introduzione delle norme antisismiche e sull’efficienza energetica.

Un patrimonio che non risponde più alle esigenze di salute e sicurezza dei cittadini e che necessita dunque di un profondo rinnovamento non solo per migliorare la qualità della vita ma anche per prevenire danni e rischi per le persone. Negli ultimi 50 anni, infatti, le vittime dei terremoti sono state più di 4000 e lo Stato ha speso in media 3 miliardi l’anno per ricostruire e riparare. E’ ora dunque di puntare a un programma serio di prevenzione e di riduzione dei rischi che ha nell’Ecobonus e Sismabonus due validi strumenti. Oggi, ad esempio, per manutenzione ordinaria si spendono all’anno circa 40 miliardi, circa la metà di quanto costerebbe un piano di manutenzione programmata , che darebbe valore aggiunto all’edificio e consentirebbe nel tempo risparmi economici importanti , per gestire la linea di sicurezza su tutti i fabbricati.

La filiera si appella perciò al Governo affinché con la prossima legge di Bilancio confermi e potenzi queste misure indispensabili per attivare un grande piano di messa in sicurezza e riqualificazione degli edifici che i cittadini attendevano da tempo.

Scopo della campagna #EcoSismabonus,  promossa dalla filiera delle costruzioni insieme ad Anaci e Legambiente, è, infatti, far conoscere ai cittadini le opportunità legate all’utilizzo dei bonus fiscali per realizzare a basso costo e in tempi rapidi efficaci interventi di ristrutturazione e riqualificazione della propria casa e di interi condomini.

Il nuovo portale

Il portale fornisce un quadro riepilogativo di tutti gli incentivi fiscali relativi al mondo delle costruzioni, sulle modalità ed i passaggi per usufruirne, sui benefici e sui vantaggi che essi offrono, esso è suddiviso nelle seguenti sezioni:

SISMABONUS: 

  • cosa è, a chi è rivolto
  • cosa si può detrarre
  • quanto si può detrarre

ECOBONUS: 

  • cosa è
  • a chi è rivolto
  • interventi immobiliari
  • interventi condomini
  • possibilità cumulativa
  • su quali immobili

ECO+SISMA BONUS: 

  • cosa è
  • a chi è rivolto
  • cosa si può detrarre
  • quanto si può detrarre

Campagna di Comunicazione

Domande Frequenti

 

Clicca qui per conoscere TerMus il software per la certificazione energetica

Clicca qui per conoscere EdiLus-CRS , il software per la classificazione sismica degli edifici

Clicca qui per accedere al portale #EcoSismabonus

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *