Ecobonus anche per i lavori di sostituzione dei radiatori?

La risposta dell’Enea è negativa: per poter usufruire dell’ecobonus l’intervento deve riguardare necessariamente anche la sostituzione della caldaia

   È possibile usufruire dell’ecobonus se si sostituiscono solo i radiatori di un impianto di climatizzazione?

Al quesito avanzato da un contribuente risponde l’Enea con una nota, dopo aver consultato il MISE.

Sebbene nel testo dell’ecobonus manca una specifica definizione del termine “sostituzione parziale dell’impianto, l’Enea ha chiarito che per poter usufruire degli incentivi, diversi a seconda del tipo di impianto, l’intervento deve necessariamente comportare la sostituzione del generatore di calore. L’intervento può comprendere anche opere (di sostituzione o modifica) sulla rete di distribuzione, sui corpi di emissione e di controllo dell’intero impianto.

In definitiva, per poter usufruire dell’ecobonus anche in caso di sostituzione dei radiatori (o qualsiasi corpo di emissione o distribuzione, ad esempio i pavimenti radianti) è necessario che i lavori vengano realizzati contestualmente alla sostituzione dell’impianto di produzione, ossia la caldaia.

Al contrario, spiega l’Enea, se l’intervento riguarda la sostituzione di un’unità esterna di condizionamento di una pompa di calore con un’altra più efficiente si può accedere alla detrazione perché tale intervento non costituisce un’integrazione all’impianto già esistente.

In allegato la guida dell’Agenzia delle Entrate che descrive i vari tipi di intervento per i quali si può richiedere la detrazione del 65%; riassume, inoltre, gli adempimenti richiesti e le procedure da seguire per poterne usufruire.

 

Clicca qui per conoscere TerMus, il software per la certificazione energetica e la verifica delle prestazioni energetiche degli edifici

Clicca qui per scaricare la guida delle Entrate

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *