Ecco come velocizzare gli appalti pubblici durante l’emergenza

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Vademecum Anac per velocizzare gli appalti pubblici: tempi di gara ridotti, no stand still, autodichiarazioni ed affidamenti d’urgenza senza gara

Al fine di procedere con la massima celerità nello svolgimento delle procedure di affidamento degli appalti pubblici durante la difficile situazione di emergenza sanitaria da Covid-19 in atto, l’Anac ha pubblicato un vademecum per velocizzare gli appalti pubblici.

Il documento segue una serie di note e circolari emanate dall’Autorità durante la fase emergenziale.

Il vademcum Anac sugli appalti durante l’emergenza

Il documento analizza le disposizioni già concesse dal Codice appalti per velocizzare e semplificare l’aggiudicazione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture: riduzione dei tempi di gara, no allo stand still, autodichiarazioni ed affidamenti d’urgenza senza gara.

Il vademecum fa, quindi, il quadro delle scorciatoie offerte dal Codice degli appalti, anche al di fuori dei contesti emergenziali, ma spesso poco note alle stazioni appaltanti.

Lo scopo è di fornire un valido supporto alle amministrazioni che, sebbene con modalità semplificate e tempistiche accelerate, devono dare massima pubblicità agli atti adottati anche in regime di emergenza e ridurre, contemporaneamente, i rischi di irregolarità e contestazioni.

Il documento contiene una serie di note e tabelle esplicative pensate per rendere la lettura più agevole.

Le normative di riferimento sono:

  • le disposizioni del Codice appalti (dlgs n. 50/2016);
  • le indicazioni europee (Comunicazione 2020/C 108 I/01) recante “Orientamenti della Commissione europea sull’utilizzo del quadro in materia di appalti pubblici nella situazione di emergenza connessa alla crisi della Covid-19”;
  • alcune disposizioni in materia di contratti pubblici contenute nel dl n. 18/2020 recante “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” ;
  • la OCDPC c n. 630 del 3 febbraio 2020 recante “Primi interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”;
  • il richiamo ad alcune previsioni normative, per lo più di natura settoriale, che si prefiggono di raggiungere il medesimo risultato acceleratorio o di semplificazione.

Disposizioni del Codice appalti

Numerose sono le possibilità offerte dal Codice degli appalti per semplificare e velocizzare le procedure di gara: assegnazione degli appalti senza pubblicare i bandi di gara in presenza di determinate circostanze, tempi ridotti per la presentazione delle offerte, autodichiarazioni e controlli ex post, facoltà di ricevere forniture in via d’urgenza anche senza aver ancora stipulato un contratto, ecc.

Ecco, nel dettaglio, le disposizioni a cui il documento Anac fa riferimento:

  • pubblicità di bandi e avvisi;
  • riduzione di termini;
  • procedure semplificate sottosoglia;
  • conclusione del contratto – Stand Still ;
  • esecuzione anticipata;
  • procedura negoziata senza pubblicazione del bando;
  • procedure in caso di somma urgenza o di protezione civile.

Il vademecum è accompagnato da una sintesi della normativa vigente.

 

Clicca qui per scaricare il vademecum

 

primus-c

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *