DURC: una nota del Ministero del Lavoro chiarisce tutti i dubbi. Esentati lavoratori autonomi e società senza dipendenti

Il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) è un documento, introdotto dalla c.d. “Riforma Biagi”, che attesta la regolarità dei versamenti dell’impresa a INPS, INAIL e CASSA EDILE.

Il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) è un documento, introdotto dalla c.d. “Riforma Biagi”, che attesta la regolarità dei versamenti dell’impresa a INPS, INAIL e CASSA EDILE.
Esso è richiesto alle imprese che eseguono opere pubbliche o lavori privati subordinati al rilascio del permesso di costruire o alla presentazione di denuncia di inizio attività (DIA).
Il D.Lgs. 494/96 (art. 3 comma 8) prevede infatti che tale documento sia trasmesso all’Amministrazione Comunale prima dell’inizio dei lavori; in caso contrario, l’efficacia del titolo abilitativo che legittima l’esecuzione delle opere, qualunque esso sia (DIA o PdC), è sospesa.
In una nota del 22 dicembre il Welfare fornisce ulteriori precisazioni sull’ambito applicativo e sulla validità del DURC.
Il Ministero anzitutto chiarisce che tutte le imprese che eseguono lavori in edilizia, privati o pubblici, a prescindere dal settore in cui sono inquadrate, sono tenute a certificare la regolarità contributiva.
Tuttavia soltanto le imprese inquadrate nel settore edile possono avvalersi del DURC a tal fine.
Il Ministero precisa, inoltre, che i lavoratori autonomi e le società senza dipendenti sono esclusi dall’obbligo di certificare la regolarità contributiva.
Il documento, chiarisce, infine, che il DURC ha validità di un mese dalla data di rilascio.

DocumentoDimensioneFormato
Nota del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali46 KbPDF
Circolare congiunta Inps, Inail e casse edili richiamata nella nota del Welfare165 KbPDF
 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *