DURC – Dal 1° gennaio 2011 al via la verifica di congruità del costo della manodopera per tutti i lavori: i valori minimi

Le parti sociali dell’edilizia hanno sottoscritto lo scorso 28/10/2010 un accordo finalizzato a contrastare il lavoro irregolare negli appalti pubblici e privati.
L’accordo prevede l’introduzione nel documento unico di regolarità contributiva di "indici di congruità della manodopera" in accordo alle disposizioni dell’art. 118, comma 6-bis, del D. Lgs. 163/2006.

Le parti sociali dell’edilizia hanno firmato lo scorso 28/10/2010 un accordo finalizzato a contrastare il lavoro irregolare negli appalti pubblici e privati.
L’accordo prevede l’introduzione nel documento unico di regolarità contributiva di “indici di congruità della manodopera” in accordo alle disposizioni dell’art. 118, comma 6-bis, del D. Lgs. 163/2006.

In particolare si prevede che la Cassa Edili verifichi, con riferimento allo specifico contratto, la congruità dell’incidenza sul valore complessivo dell’opera del costo della manodopera.

L’accordo sottoscritto riporta in allegato le percentuali di incidenza del costo del lavoro (comprensivo dei contributi INPS, INAIL e Casse Edili) che costituiscono valori minimi, al di sotto dei quali scatta la presunzione di non congruità dell’impresa.

Tali percentuali saranno oggetto di un periodo di sperimentazione (dal 01/01/2011 al 31/12/2011), che coinvolgerà esclusivamente i lavori che avranno inizio a partire dal 01/01/2011.

Durante il periodo della sperimentazione, eventuali irregolarità sulla congruità dell´incidenza della manodopera sui lavori non avranno effetto sulla regolarità del DURC.
Il sistema della verifica della congruità dell´incidenza del costo del lavoro sul valore dell’opera, andrà in vigore a regime a partire dal 01/01/2012, per i lavori che avranno inizio a partire da quella data.

Per i lavori privati la verifica di congruità sarà applicata esclusivamente a quelli di entità pari o superiore a 70.000 Euro.

Clicca qui per scaricare il testo dell’accordo e della tabella

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *