DURC anche per l’edilizia privata

Nella seduta del 31 luglio scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto attuativo della Legge 30/2003 (c.d. Legge Biagi).

Nella seduta del 31 luglio scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto attuativo della Legge 30/2003 (c.d. Legge Biagi).
Il provvedimento di riforma del mercato del lavoro investe, inevitabilmente, anche l’attività delle imprese edili.
Nell’ambito delle iniziative adottate per la lotta al lavoro nero, fenomeno vivo nel comparto edile, anche il committente di lavori privati è stato gravato di ulteriori adempimenti.
Il committente, secondo il testo approvato, dovrà infatti farsi carico di:

  • chiedere all’impresa una dichiarazione dell’organico medio annuo, distinta per qualifica e una dichiarazione relativa al contratto applicato ai dipendenti;
  • chiedere all’impresa una dichiarazione di regolarità contributiva (D.U.R.C.), che può essere rilasciata da INPS, INAIL, e dalle Casse Edili convenzionate con i suddetti istituti;
  • trasmettere, infine, la documentazione su indicata all’amministrazione concedente prima dell’inizio dei lavori.

Si attende ora la pubblicazione in G.U. del provvedimento, attesa per la prima metà di settembre.

Documento Dimensione Formato
Estratto del decreto attuativo della Legge Biagi 6 Kb ACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *