Norme e leggi - BibLus-net

Legge 132/2015 (Compenso CTU)

2.26 MB
Scarica ora pdf
2.26 MB
Scarica ora pdf

Legge 132/2015 di conversione del DL 83/2015, contenente "Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell’amministrazione giudiziaria"

5 commenti
  1. Marco
    Marco dice:

    E’ disgustoso quello che ho appreso.
    Il D.M. del 2002 doveva esseree cambiato perche non è possibile che se attualmente un teccnico stima un immobile € 516.000,00 o € 516.000.000.000,00 oppure stima n.1 bene o n.100 beni dello stesso valore sia la stessa cosa in quanto si cumulano i valori.
    Che tristezza.

    Rispondi
  2. Greg
    Greg dice:

    E’ assurdo: già adesso si aspettano anche anni in attesa sia del decreto di liquidazione del Giudice sia del pagamento effettivo: se si tratta di banche, ci vogliono mesi per il pagamento della fattura; se si tratta di un privato (in genere ex mogli in lite per gli alimenti) è possibile anche avere il pagamento solo dopo che è stato venduto il bene ed effettuata la ripartizione….cioè dopo almeno uno/due anni. Personalmente sono in attesa di un pagamento dal 2011…..

    Rispondi
  3. Marco
    Marco dice:

    Non capisco….. manco fosse lo Stato a pagare i C.T.U.!!!
    Inoltre, nel caso del nostro Tribunale, dobbiamo gà applicare al valore di stima una decurtazione forfetaria del 20%, se poi si passa al secondo incanto otteniamo un ulteriore abbattimento del 20%+20%, cioè un prezzo di vendita pari al 51,20% del valore di stima; e questo è ormai quel che avviene usualmente. Se a ciò aggiungiamo il fatto che, nella stragarande maggioranza dei casi, i beni da stimare hanno valori di mercato nell’intorno degli € 80.000,00 (almeno questa è la mia esperienza), significherebbe lavorare per € 650,00 lordi ca. a perizia (nel caso di vendita al secondo incanto) di cui la metà percepiti subito e l’altra metà “a babbo morto”!
    … ma soprattutto non capisco più questo Paese!
    Saluti
    P.S.
    Se dovesse davvero procedere così, non lavorerò più per il Tribunale.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi a Marco Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *