Detrazioni fiscali: la realizzazione di impianti fotovoltaici è equiparata a interventi finalizzati al risparmio energetico

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito definitivamente che le spese sostenute per l’acquisto e la realizzazione di un impianto fotovoltaico sono detraibili se l’impianto è al servizio dell’immobile residenziale.

L’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione 22/E ha chiarito definitivamente che le spese sostenute per l’acquisto e la realizzazione di un impianto fotovoltaico sono detraibili ai sensi dell’articolo 16-bis, comma 1, lettera h) del TUIR se l’impianto è al servizio dell’immobile residenziale.

Gli impianti fotovoltaici, pertanto, sono considerati a tutti gli effetti opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici.
E’ esclusa, invece, la possibilità di fruire della detrazione quando la cessione dell’energia prodotta in eccesso abbia fini commerciali, come, ad esempio, nei casi in cui l’impianto non è posto al servizio dell’abitazione oppure ha una potenza superiore ai 20 kW.

La nuova Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate conferma il parere espresso pochi giorni fa, secondo il quale gli impianti fotovoltaici possono usufruire della detrazione del 50% rinunciando alle tariffe incentivanti del Conto Energia (v. articolo “Impianti fotovoltaici: ok alle detrazioni del 50%!”).

Per accedere alla detrazione fiscale, il contribuente deve conservare il titolo abilitativo e la documentazione relativa all’acquisto e all’installazione dell’impianto fotovoltaico; non è necessario documentare l’entità del risparmio energetico relativo.
Infine, l’Agenzia ricorda che le detrazioni per le spese sostenute per l’impianto fotovoltaico saranno pari al 50% fino al 30 giungo 2013, dopodiché torneranno al 36%; anche il tetto di spesa su cui calcolare la detrazione è temporaneamente elevato da 48.000 euro ad un massimo di 96.000 euro per unità immobiliare.

Clicca qui per scaricare la Risoluzione 22/E dell’Agenzia delle Entrate

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *