Detrazione 55%, è ancora possibile accedere alle agevolazioni anche per gli interventi ultimati nel 2012!

Sono ancora sanabili gli interventi di riqualificazione energetica ultimati nel 2012, per i quali la richiesta di detrazione non sia stata trasmessa ad ENEA, purché la scadenza dei 90 giorni “utili” cada in data successiva al 30 settembre 2012

Il mancato invio della richiesta di detrazione del 55% entro i termini previsti dalla normativa (tre mesi dalla fine dei lavori) non fa automaticamente decadere il diritto di usufruire delle agevolazioni.

Dopo aver richiesto un parere all’Agenzia delle Entrate, l’ENEA precisa in una FAQ che sono sanabili gli interventi di riqualificazione energetica ultimati nel 2012, per i quali la richiesta di detrazione non sia stata trasmessa ad ENEA, purché la scadenza dei 90 giorni “utili” cada in data successiva al 30 settembre 2012.

Per questi interventi, il termine ultimo entro cui far pervenire le richieste di detrazione ad ENEA (sempre attraverso il portale 2012) è il 30 settembre 2013.
In particolare, l’ENEA cita l’art. 2 del D.L. 16/2012 (convertito in legge 44/2012) che prevede che “la fruizione di benefici di natura fiscale o l’accesso a regimi fiscali opzionali, subordinati all’obbligo di preventiva comunicazione ovvero ad altro adempimento di natura formale non tempestivamente eseguiti, non è preclusa, sempre che la violazione non sia stata constatata o non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali l’autore dell’inadempimento abbia avuto formale conoscenza, laddove il contribuente:
a) abbia i requisiti sostanziali richiesti dalle norme di riferimento;
b) effettui la comunicazione ovvero esegua l’adempimento richiesto entro il termine di presentazione della prima dichiarazione utile;
c) versi contestualmente l’importo pari alla misura minima della sanzione stabilita dall’articolo 11, comma 1, del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471,secondo le modalità stabilite dall’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni, esclusa la compensazione ivi prevista”.

Pertanto, per i lavori ultimati dopo il 2 luglio 2012, per i quali non sia stata data comunicazione all’ENEA, è ancora possibile accedere ai benefici fiscali.
Per quanto riguarda la sanzione da versare, ENEA consiglia di chiedere direttamente all’Agenzia delle Entrate.

Clicca qui per scaricare le FAQ dell’ENEA

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *